finchè forse tutto sbiadirà

come in un film dalle atmosfere sfuocate di un tramonto ormai esaurito di un’estate ancora piena, si consumano le scene che  nascono dalla malinconia profonda delle cose che non comprendo, che non voglio  immaginare, e riappari,   dopo un bel po’ di mesi e giorni di silenzi, rotti solo da qualche convenevole e  qualche tentativo di  riallacciare una confidenza diversa;   appari e fingi di non vedermi,  reggo il gioco a fatica,  so che sai dove sono, che mi vedi e mi guardi mentre non guardo,  il mio istinto mi avrebbe portato ad alzarmi di corsa dalla sedia , correrti incontro sui miei tacchi alti e precari ,  saltarti al collo per chiederti come stai, magari  stringerti e darti un bacio, ma l’istinto si sa, ha un grande nemico, si chiama orgoglio, e l’orgoglio mi ha tenuto ferma incollata alla mia sedia, in preda alla sottile sofferenza nata da questa lotta impari  che divorava la mia anima, facendo trascorrere minuti e  sorrisi,  e lasciandoti andare, mentre ripeto come un mantra a me stessa che non  mi posso voler male, ma infondo penso che  ti voglio bene e mi rode questo, mi rodono come sempre le parole non dette, le cose non  spiegate e non capite, quelle immaginate e costruite su castelli di fantasie.. e mentre cala la notte  ad avvolgere i pensieri , appare la luna, a farmi pensare .. e resto così muta nelle mie conclusioni,  con il dubbio ed il timore di non poter controllare ciò che poi vorrei dire, resisto come un audace  atto di forza.. finchè…  non so, finchè sarà così.. forse fino a quando sbiadirà  tutto risucchiato dal tempo …  e si scriveranno altre storie , altre parole , altre senzazioni.. finchè  sarà tutto sbiadito, dimenticato sepolto in  un pezzo di vita, questa vita  che corre veloce, forse anche troppo… che passa come  gli alberi ai lati delle strade , non ricorderò più nemmeno gli occhi, i gesti i respiri .. sarò lontano..

degno di nota

ti volti e dai tuoi ricci spunta quel sorriso che si apre sulla più banale delle conversazioni mentre la tua bocca si  spalanca su  un mondo , sorge il sole e si vede il cielo; qualcosa di bello che ogni tanto vado a ricordare, il tuo naturale sorridere;  hai mani forti e grandi e pensieri profondi, e mai stanchi, hai una vita oltre , sei proiettato fuori forse più che dentro te, e questo arriva come un onda forte  di suono, mi ha spostata e mi ha fatto  dondolare, e mi ha lasciata  li in mezzo ad una  nuvola di pensieri , come fossi su un altalena che ormai va per la forza della spinta  iniziale e  continua a dondolare dolcemente , lì nel mezzo del mondo … questo sei tu dietro ai tuoi occhi neri e scintillanti e  pieni di curiosità, la tua voce profonda accarezza le parole, viene voglia di chiederti di non smettere di parlare, mentre sorridi, viene semplicemente voglia di capire chi sei e cosa ci fai a tu per tu con una vita che forse vuoi solo plasmare, nei tuoi gesti la gentilezza e la cavalleria che si addicono a chi in questo mondo, che va di corsa, trova il tempo seppur breve per non accorciare le parole, spende un grazie  .. sembra quasi impossibile che la tua figura così  imponente  sia leggera come una piuma… la curiosità ti avvolge e  il tempo per scoprire i tuoi pensieri è bramato,  perché chi non si mimetizza tra le folle merita attenzione,  risveglia la voglia di guardare negli occhi qualcuno che aldilà della confusione potrebbe avere gesta e pensieri interessanti  da  condividere… lieve  ogni tuo  passaggio, piena di luce ogni tua apparizione,  di benessere che si diffonde ogni breve conversazione…. degno di nota sei tu nel circo del mondo.

naturale

vedi infilarsi tra le tue braccia di mattina è così istintivamente naturale,  ancora con un piede  fuori dalla routine quotidiana, ancora quasi vergini di arrabbiature e  consuetudini lavorative,   vedere il tuo sguardo, i tuo gesti,  te.. fa scattare tutto così immediato lì dovevo stare, era più forte di me.. lì.. sul tuo petto .. lì tra quelle braccia forti.. lì per prendere fiato , per  avere la forza di un altra giornata, per trovare il sorriso.. lì per un attimo,  mentre intorno a noi l’energia gridava al mondo di scansarsi, all’aria di fermarsi, al telefono di non suonare, al sole di non accendersi ancora, a tutti  di aspettare… e a me di  cedere a quel magnetismo che   pur volendo non posso  contrastare, mentre con una mano scosti piano i capelli    e  le tue labbra dolcemente mi sfiorano di sorpresa il collo, posso socchiudere solo gli occhi e sentire i brividi che percorrono e invadono il mio corpo , sei la sorpresa, sei  sempre un cascata di acqua fresca nello scorrere  insipido dei giorni… niente di più, niente di meno!

10 anni di storia ..il mio blog!


http://signorina2006.blog.tiscali.it/2006/10/12/in_viaggio_dentro_me_____quot_niente_succede_per_caso_quot__1715347-shtml/

“ecco qua, iniziamo a dar fiato ai miei pensieri…
il titolo racchiude l’essenza di me, di questa nuova persona che è rinata esattamente 6 mesi fa, la mia età anagrafica poco c’entra con tutto il resto, non ho certo 6 mesi, ma la mia vita ha avuto una nuova partenza.
Tutto è iniziato con un grande spavento, la fottuta paura che mi rimanesse poco tempo per vivere, fortunatamente solo paura…”

“Certo non è che in un giorno puoi essere completamente diversa.. no, questo no, ma la trasformazione è lenta, parte dalle piccole cose apparentemente banali, ma segno evidente di una trasformazione mentale,il lavoro è duro e sicuramente lungo, ma i primi risultati si vedono si sentono e sono quelli più gratificanti…”

“e allora da 6 mesi mi vesto carinamente, mi trucco, metto le collane, gli orecchini,le scarpe con i tacchi.. insomma tutte le belle cose nascoste infondo ai cassetti le ho tirate fuori, rispolverate e iniziate ad usare…. certo in estate è anche più facile, ma non ho nessuna intenzione di rinunciarci con l’inverno…
Bene questa è stata la prima cosa che è cambiata, forse la più facile, ma è dalle cose semplici che si inizia e poi si prende il coraggio delle propie azioni…”

https://www.youtube.com/watch?v=xVCN7hPdAQM ( ascoltatela)

Questo era  l’inizio , l’origine di tutto questo luogo, di questo fiume di pensieri, di parole,  l’inizio della mia trasformazione , quasi una rinascita ,  anzi senza quasi.. la mia RINASCITA, fisica, mentale , sessuale, sociale, professionale.. tutto e dico tutto si è stravolto, ci sono voluti anni, giorni pesanti come pietre, risate isteriche e  sguaiate, azioni incosulte, pianti e lacrime, le mani sbucciate dalla fatica di ribaltare la mia pelle, ma  oggi posso dire che effettivamente   quella trasformazione auspicata c’è stata, ….  E in questo blog ho messo storie, personaggi e emozioni… un valido aiutante nella messa a fuoco della mia vita in continuo movimento,    luogo segreto inizialmente e poi luogo condiviso con chi   ne è stato attore co-protagonista  e spesso lo è ancora oggi,    e condiviso anche con chi ha guadagnato la mia fiducia, e avrei voluto  che conoscesse a fondo l’anima mia, che se poi ha capito e usufruito e sfruttato chissà..  mani virtuali che hanno letto commentato e condiviso passi di me,  svaniti, salutati per strada tra un tumulto e l’altro della mia anima.. e poi  oggi, un luogo sereno , un po’ abbandonato, ma non troppo , come una casa di campagna dove si torna ogni tanto per diletto, a volte per bisogno e dove si vorrebbe passarci un po’ più di tempo ma si trova sempre una scusa per non farlo… non riesco ad abbandonarlo.. per adesso.. anzi spero sia ancora spettatore dei salti dell’anima e dl cuore.. questa me che ha continuato a mettersi i tacchi alti sempre più, a truccare il suo viso, a scegliere con cura gli abiti e i pensieri, questa me che ascolta la testa il cuore e le ginocchia che si piegano.. vuole essere ancora la “ Signorina”.. perche IO .. SONO IO .. e lo sarò.. per sempre ..

10 ANNI,  DUE VITE ,  UN PO’ DI AMORI, UN UNICO E IRRIPETIBILE 88 , UNA SIGNORINA….  ME E LA MIA STELLA !!!!

1 settembre

 eccolo che arriva settembre come ogni anno segna un nuovo inizio, riprendi da dove hai lasciato, ma speri che ogni giorno si possa trovare un piccolo  momento di felicità sublime, oggi si riparte , tutto è  nuovamente diverso, le giornate hanno già cambiato colore, il sole non ha quella luce così intensa che assomiglia alle grida dell’estate, si avvia piano verso quel calore più sommesso e meno  sfacciato dell’autunno che avanza, eccolo settembre ed ecco il  Primo giorno.. 1 .. una data, la tua data, perché in effetti tu sei  il nuovo  inizio, tu che sei stato sempre la novità, celebri così il passaggio degli anni, e  ormai da un po’ , oggi è il tuo giorno, per te che sei una forza della natura e una sublimazione dell’essere uomo,  oggi è il giorno in cui le parole forse non bastano più, e nemmeno i gesti , il giorno che sarà il 1 settembre di tutta la vita, in questo blog tanto gira intorno a te,  divento ripetitiva e monotona forse e quindi qui si scrive solo per  dire che oggi come non mai ,  la gioia di aver avuto la possibilità di  conoscerti è solo una fortuna e ti auguro ogni bene, e ti auguro  la felicità, e ti auguro la pienezza del tuo essere e del tuo  vivere,  e di godere sempre dei grandi e piccoli  momenti magici.. e sono felice che sia il ” primo settembre”… ! Auguri uomo che sa volare auguri… auguri di cuore.

follia e allucinazione

se  si annienta ogni cosa che sta intorno ogni volta che incontro  anche solo l’immagine di te riflessa nei miei occhi o dentro un bicchiere,  non ci posso fare niente se  le favole fanno parte della mia mente, e così poi quando ti avvicini, crolla il mondo si sgretola in mille cristalli e gira tutto come fossimo dentro ad un  caleidoscopio, tu io e nient’altro, in mezzo alla confusione, alla gente, solo  questo, tu e io, anche se so che è solo una lontana illusione, una mia  allucinazione, mi muovo come in una bolla di sapone in un  non tempo sospeso tra l’alcool e la musica , in mezzo alla lucidità della mia infinita follia, questa vita sospesa nel nulla,  senza senso e motivo, nelle briciole di un pensiero che mi ha dato un emozione che cerco  come fosse una droga  dalla quale dipendo.. e non mi basta, non mi può bastare, dovrei smettere e cancellare, ma ci sono  tasti di vecchi pianoforti che si toccano e rimangono incantati e non riesco a  far smettere quella nota di suonare , e vorrei non sentire e invece come  un adolescente mi perdo .. e anche se mi volto, giro, cerco, vivo,   niente,  torno lì; come Ulisse mi ammalia il canto delle sirene. Io persa in questo limbo..   solo un numero e forse nemmeno  così alto.. tu  qualcosa  che non si tocca, non si vede ma che toglie il fiato come quando sei lì che stai per decollare dal  campo di volo .. e corri nel niente.. e così  resti per un attimo senza respiro,  ferma encefalogramma piatto, e poi gira gira tutto….  non si può, assurdo ma .. passerà si cancellerà , si riscriverà sopra un altro sguardo, uno, spero uno solo che sia … brivido e follia,  ma ora torno lì, ovunque tu vada, in piccoli gesti in quelle poche assurde parole dette tra i denti quando sarebbe l’ora del sonno e dei sogni,  e quei tuoi piccoli  baci rubati…che sono più di quelle notti in cui fai l’amore finchè c’è fiato ,finchè c’è forza…   e che  chiamarlo amore è un oltraggio si chiama sesso… ma insomma niente che abbia a che fare con..  il mondo che gira intorno  in quei brevi istanti immensi che  racchiudono  il sapore di un emozione…

non posso cedere

un brivido sulla pelle, un sorriso dal niente e il mondo che si ribalta all’indietro e poi scappo,  sono invincibile e non mi voglio far raggiungere da niente,   accade ogni volta per quella capacità innata di leggere dentro agli occhi nella profondità dell’animo, dove si annidano  i tesori e le sorprese, e ogni volta cado nel tranello, resto lì come in un immersione a girovagare negli abissi di un altra anima che non mi è stata concessa ma che mi sono presa quasi per gioco e per sfida , vincere una battaglia è facile molto.. ma poi ci lascio le penne il cuore e  anche gli occhi e così non posso essere più invincibile.. non mi rassegno a lasciarmi trascinare dalle mani forti dell’innamoramento che non porta a niente,  che fa sentire solo le punte affilate dei coltelli che tagliano la gola, resisto con tutte le mie forze,  per adesso la cosa è facile mi aiutano i tuoi gesti, mi aiuta il tuo non offrirti, il tuo chiudere quella porta sull’anima, il tuo voltarti altrove e guardarmi solo mentre non ti guardo..  sia mai che quello sguardo torni,  sia mai.. cadrei in ginocchio  priva di forze  ad aspettare che il vento cambi , ma la mia consapevolezza in questo momento mi fa capire che il vento è contro.. resisto e posso resistere  ..  tienimi lontano, è il più bel gesto che tu possa fare, sii forte tu per me, io, non lo sono mai stata ed ho voglia di amare, ma non entro dove le porte son chiuse,  busso ogni tanto, ma poi me ne vado silenziosa.. volta lo sguardo ogni volta, altrimenti non potrei resistere alla tentazione..  niente  mi conquista come gli occhi .. mi fregano solo quelli.. tu mi hai guardata  senza distogliere lo sguardo, tu mi hai legata e trascinata verso te.. per tutto il tempo dei baci infiniti con i quali hai ricoperto la mia bocca e la mia pelle, mi hai tenuta dentro il tuo sguardo.. anche quando potevi socchiudere gli occhi.. tu hai toccato il profondo delle mie corde e fatto suonare la melodia dell’anima.. ma c’è un problema.. “c’è lei nella tua vita e non vuoi più mandarla via” così diceva una canzone.. ed io sto diventando l’eterna due.. e non posso permettermi di cedere all’amore, solo passioni fuggevoli e sfuggenti, solo attimi e non assecondo nemmeno un po’ le sensazioni.. perché tu saresti perfetto.. perché indossi quei pantaloni.. perché sorridi .. perché hai le mani che ti ritrovi, forti, belle, lunghe.. perché mi hai coperto di baci e per un momento anche solo uno mi hai fatto sentire cenerentola al ballo, tra le tue braccia in mezzo alla pista semi deserta con gli occhi di tutti puntati addosso… cenerentola…

tre passi e sono fuori.. da me!

 attraverso la vita, lascio il tailleur sulla sedia e appoggio le responsabilità   lì insieme alle chiavi,   dimentico le risposte sensate , i pensieri pensati, i calcoli e i consigli le valutazioni e le stime,  le tastiere e le parole ponderate e soppesate, apro l’armadio alla ricerca di quelle cose che mi trasformano nell’altra me,  le gonne corte, e i lustrini,  colori e collane, tutto ciò che è solare e fuori dal tempo, .. faccio tre passi e attraverso la vita esco di casa e dimentico chi sono, lascio il resto a casa, e assaporo il gusto della vita nel mio rossetto scuro.. balla finchè c’è fiato, canta finchè c’è voce, sii te  e non lasciare più che niente ti arrivi, che quelle brutte ferite si possano riaprire che nessuno riesca più a farti sentire sbagliata… signorina bella, sei fuori dal coro e ami starci fuori dal coro… quindi sbattiamocene altamente  le scatole dei benpensanti, infondo non c’è nessuno che possa dire  che sbagli, che c’è di sbagliato nel cantare , ballare ridere e scherzare…  solo chi  vede la vita come una tragica imposizione di doveri può vederci il male.. o chi invidioso passa le notti a guardare le foto in cui sorridi…. tanto poi quando fai dinuovo quei tre passi e rientri nella tua casa, lasci i lustrini e i tacchi per terra, rimetti pensieri e tailleur e vai!!!

 

L’odio non mi appartiene…

E mi riempio gli occhi di bellezza,  immagini di monti cieli foglie fiori monumenti e case dolci  sorrisi e persone, perché oggi si sta provando a farci dimenticare tutto e colorarlo solo di grigio , la violenza e l’odio non hanno razza religione o ragione , alla base c’e sempre e solo un unico dio quello del potere e del denaro, e  noi tutti come un gregge di pecore, ci sentiamo autorizzati a rispondere con rabbia e con altra violenza , a farla crescere in noi e senza ritegno a raccontarla al mondo  senza filtri eleggendo a filosofi o profeti di una umanità colpita dal male…. e dall’odio… e non me la sento di stare qui a dare le colpe  e a sostenere chi  continua a sparare nel nome di chicchesia, il terrorismo non e’ nei terroristi , e’ nella rabbia , violenza , odio , interesse e denaro, e’ nell’addestrare la gente facendogli sentire padroni del mondo accendendo il fuoco dell’odio e dandogli un pretesto e un nome di un dio in cui agire. E’ per questo che voglio sentirmi libera oggi piu che mai di guardare ancora il cielo è godere del blu, del rumore di una foglia del silenzio dell’aria , il dolore per vite spezzate senza motivo e’ grande e forte e  si sente, per tutti quei morti sparsi nel mondo non solo a Parigi ma ovunque vicino o lontano che sia, quel dolore grida nel cuore di ognuno di noi, deve gridare fino a farci pensare che siamo solo dei poveri illusi pronti sempre ad aggredire tutto e tutti senza alla fine comprenderne la ragione, completamente disabituati ad amare, a guardare in faccia l’altro, a seminare gesti gratuiti d’amore , affetto,felicita’, oggi piango  le vittime e piango queste considerazioni , mentre cerco di assaporare il bello del mondo  e  regalare solo gesti d’amore in tutte le sue forme, sorridere a chi mi passa accanto e dargli il buongiorno….. questo e’ il mio modo di portare il lutto per un mondo che si sta perdendo , qualunque guerra farà di noi tutti le vittime, non ci saranno ne vincitori ne vinti .. solo la morte avrà la meglio …

il disco è rotto!

e poi si incanta il disco e ripete sempre le stesse parole, quelle che ti piacevano, diventano una nenia, che non ha più sapore e nemmeno ardore, le canti e le ripeti come fossero un libro conosciuto a memoria che poi magari alla fine  viene a noia, e così la vita che si ripete nel suo cerchio , rincorrendosi, con emozioni confezionate, già vissute e consumate come le suole delle scarpe che a furia di camminare in cerchio sono finite , e non ti piace più il gioco, ma ne sei prigioniero, e come se non riuscissi a trovare la via d’uscita, e la testa gira, e ti viene la nausea.. e ti siedi con gli occhi sbarrati a cercare la soluzione, a frugare nella testa come cercassi infondo ad un baule, sperando che salti fuori un coniglio fatato che cambia tutto in un attimo, che la magia esista e spazzi via tutto ciò che non vuoi più vedere e porti mille stelle e bagliori a dar vita a qualcosa di nuovo , di emozionante.. che faccia fare un salto allo stomaco come se buttassi giù un bicchiere di cocacola troppo gassata , se saltassi giù da un trampolino.. ma poi che cos’è , cosa manca cosa si è rotto, l’amore quello che non sai riconoscere che forse fuggi perché hai paura perché scappare si addice più che lottare o anche solo giocare, perché giocare fa male, fa sporcare le mani,  fa dei grandi buchi nell’anima.. e poi  niente  ti metti in ascolto per ritrovare il centro dell’anima , ma ti sfugge,  e ricominci a camminare in quel cerchio scrutando per vedere se una via d’uscita c’è.. perché deve pur esserci, e se è nascosta devi trovarla, e imboccarla,  andare incontro all’ignoto, andare di là dove non conosci i passi, dove provi paura, stupore, curiosità.. dove… se allunghi una mano non sai cosa puoi trovare,  dove  aguzzi la vista per guardare oltre.. dove niente è lo stesso, dove tutto è nuovo, e dovrà esserci questa via d’uscita .. da qualche parte, e la devi trovare, prima che le suole delle scarpe finiscano e che i piedi doloranti cedano il passo alla rassegnazione, prima che la nenia ti intontisca i pensieri,  prima che i giorni diventino tutti uguali… devi trovare la via…