.. Finalmente casa nuova

Ho traslocato!

E’ arrivato il giorno,  dopo undici lunghi anni, ho fatto le valige   un po’ di fretta , con la smania di arrivare in questa nuova casa.

L’ho appena comprata e per la voglia di venire a starci ancora non ho provveduto a metterci mobili e  suppelletteli,  ci sono io , il bianco delle pareti, con solo una leggera sfumatura di rosa,  le mie valige chiuse , da aprire piano piano,  sono piene di sogni, di sogni sognati e vissuti in tanti anni; milioni di parole ancora chiuse in attesa di essere messe dinuovo in fila una per una,  per ricostruire la mia vita, quella che io ho scelto ormai tanti anni fa, quella che io volevo.. quella che ha dato respiro alle mie  emozioni, che mi ha fatto prendere il coraggio di salire su un paio di tacchi e guardare il mondo da un punto più alto, quella vita del “secondo giro” , quella dove  io mi sono sentita me, per davvero , dove mi sono liberata di quella   ragazza/donna che era il frutto di ciò che gli altri si aspettavano da me, e non assomigliava nemmeno un po’ a quella che stava dentro di me, quella vita che è esplosa  come se  avessi dato un calcio e ribaltato un tavolo, con la stessa forza, con la stessa determinazione , consapevole del guaio fatto, dei cocci rotti, delle sgridate, ma anche consapevole che tutto può tornare a posto, ma in modo diverso,  tutto con un altro ordine, con tanta fatica, sofferenza , ma con la certezza che questa era la via., e la via è.. amo questa me  , posso ancora migliorare, ma quando mi guardo allo specchio adesso sono serena e soddisfatta di quella figura  che vedo, che conosco ,e anche se il mio occhio e la mia indole critica e intransigente solo verso me stessa, mi porta a dirmi che questo o quello non va,  poi in fin dei conti mi faccio l’occhiolino e sorrido  compiaciuta.

Ho portato tutto con me,   lacrime e risate, amori , delusioni,  gioie, disperazioni .. insomma tutto.. e da QUI RICOMINCIO.. questo fiume di pensieri e emozioni che dentro stanno strette e sentono la necessità di vagare nel mondo..

e poi ecco dinuovo  il rumore delle dita sulla tastiera che  a volte è  bisogno, smania, desiderio, cura e malattia…. !!

Signorina!

sarei rimasta

ci sono parole che restano nella mente ” e ora? sparisci anche te ?”  e ci sono gesti che si fissano nel vuoto .. un bacio regalato e ricambiato mentre  ti avvii verso il sonno ed io verso casa,  e ci sono orde di pensieri che hanno affollato la mia mente , richieste che non hai fatto e che non ho  voluto assecondare, parole che non hai detto e che non ti ho fatto dire e così senza  quelle parole come se  un bel po’ di mesi fossero solo  ieri, così ancora una volta, per cosa poi non lo so ,  ma avevo bisogno di quel tuo essere, della tua pelle e delle tue mani, avevo bisogno e voglia non lo so di vedere cosa c’era in te, non ti ho detto una parola era tardi, era un incastro tra stanchezza e ferie , ma  tra le tue braccia volevo stare , tra le tue…  una volta ancora forse come a cercare una parola che non c’era, non ho conservato nessun rancore , nessun dolore, ormai sono anestetizzata , non cerco spiegazioni e faccio cadere ciò che non riesce a volare, mi abituo alle assenze dopo  le belle presenze, mi abituo  a non far caso .. sorvolo su parole e sguardi, purtroppo sono ancora in grado di vedere e leggere tra le righe delle parole non dette, di capire , di interpretare i gesti  e dar loro il significato, di cogliere le sfumature, ma tutto ciò lo faccio dietro ad un vetro antiproiettile, non passa nulla, non passa…  arriva tutto lì ad un passo dal cuore e si ferma, non si può far avvicinare farebbe male, e si evita che possa far anche del bene.. è l’abitudine a salvare la pelle.. adesso da un po’ è così… e  non mi fido se non mi si chiede, e non faccio se non si fa.. nelle tue mani, in quelle mani sarei rimasta, ancora, e  avrei voluto vedere quel bene che da lontano si intravede, che dai tuoi sguardi sfugge quando li distogli, avrei voluto vivere e ridere e correre e  condividere, mescolare le vite per alleggerire i pesi e godere delle gioie ma non ho avuto la forza di prenderti a muso duro e dirti.. che cazzo fai? che cazzo vuoi dalla mia vita?.. e così.. mi sono allontanata da tutto ciò.. ho fatto in modo che diventasse quello che hai scelto fosse , un incontro scontro a fine serata… niente più… niente.. e quel bene riposto nel cassetto,  chiuso  bene  e se non ti scrivo non è che non ti penso e se non mi senti non è che non ti penso, perché i pensieri non fanno rumore, i pensieri non lasciano traccia;  ho lasciato  che piano i silenzi fossero la normalità.. e svanissi come sei apparso.. e ti lascio lì nelle foto di watsupp  che ogni tanto mi passano sottomano, nei messaggi che ogni tanto mi vengono in mente, nelle note che quando vado a camminare si infilano nelle cuffie e sotto la pelle… ti ho messo via..

nel silenzio me ne vado… mentre mi lasci andare

piano mi uccidi, non parli, non dici, aspetti che dica , parli e chieda al posto tuo.. ma no, io no, non posso più, non ce la faccio, troppe e troppe volte ho suicidato la mia anima per le altre, mi sento ferita come una farfalla senza un ala che non vola più, se ci sono e resto qui, comprendi che voglio starci e voglio solo essere certa che tu mi ci voglia, elemosina di parole, elemosina di sguardi, di gesti.. ho giurato di non chiederne mai più; la mia vita è piena e ricolma di affetti ed eventi, io sono pronta a accogliere chi a questa vita porta un valore aggiunto, qualcosa in più che sovrasti ciò che c’è ; ma non sono pronta a annientarmi , dinuovo no. Sublimazioni si , complicazioni no… gestire il mio tempo insieme a quello dell’altro per poterlo condividere e moltiplicarne il valore in due, non stare lì a guardare cosa accade, mettere le parole sulle labbra di chi si ha difronte.. sembrano forzature e passi imposti… io sono pronta sempre a squarciare la mia pelle per prendere il cuore in mano e mostrarlo, solo che con il tempo prendo un po’ più di tempo per aprire questa pellaccia dura perché è più faticoso squarciare dove ci sono ferite spesse e ricucite con filo grosso.. e poi quando non trovo altre mani e altri cuori pronti a mostrarsi .. mi fermo..il sangue che esce è meno, è poco.. non ho più quel bisogno che a volte esiste di colmare i vuoti, ho smesso di soffrire di solitudine da quando mi faccio compagnia da sola, da quando mi amo un po’ di più… adesso vorrei solo potermi permettere di esplodere in colori e sorrisi e felicità.. ma se così non è.. diventa solo un gratuito dolore… e finisce che sto ferma a guardare chi mi trasforma da vittima in carnefice, glielo lascio fare con la convinzione di avere ragione, mi chiudo nel mio silenzio, cambio strada, con dispiacere forse , ma con la consapevolezza che ogni passo in più percorso sarebbe un gradino verso il basso.. potevi essere tutto, potevi essere di più.. ma forse non lo vuoi , ne da me ne da nessuno.. e io così .. io così non lo voglio e non lo so e non potrò mai saperlo…. suicido il sentimento al nascere per non morire ogni giorno un po’…

prima un abbraccio

e ti chiedo un abbraccio, prima dei baci, dei morsi, prima di graffiarmi la pelle con le tue mani forti e decise, un abbraccio prima del tumulto della passione e della carne, un abbraccio prima che ti spalanchi le cosce , un abbraccio che mi apra l’anima, prima che sia tua , un abbraccio prima che gli sguardi si incrocino e ci incatenino per trascinarci giù verso quell’inferno  di piacere che cerchiamo,  si un abbraccio prima di tutto questo, perchè dopo tutti sanno, viene naturale ,ma noi siamo diversi, parti di un modo lontano  separati da vite  e cieli,  uniti nella carne e nella sensualità, nel gioco della seduzione, ma siamo così fuori dalle logiche comuni che un abbraccio prima che si scateni il resto è la cosa più originale che possiamo regalarci, quello che resta che sa di vero, quello che ci rende ubriachi prima di diventare avidi di pelle e piacere, prima che la giostra inizi a girare, quello che si ricorda, un abbraccio che  assomiglia all’orlo del precipizio dal quale ci buttiamo per poi appartenerci e mescolarci , quello che  non ha ancora il tuo sapore addosso, ma che me lo regala… un abbraccio intriso della follia e privo di ogni inutile parola,  i corpi parlano  molto più delle bocche,  così che mentre i muscoli si tendono i sensi si accendono  in quell’abbraccio che da due ci fonde in uno , dove ci perdiamo ancor  prima di perdere la ragione , un abbraccio che conduce alla follia di appartenersi  con forza, a volte quasi con rabbia , che ci rende liberi nella nostra corsa dentro al piacere..un abbraccio prima di questo, che e’ tutto quello che resta, il dopo e’ istinto e magia e’ l’attimo dell’esaltazione del nostro desiderio , niente di piu’.

due in una

e  come per magia ed incanto  in un attimo ho visto più là di me,  ho avuto una sensazione, forse solo una banale convinzione, o la necessità di dare spiegazioni a ciò che una spiegazione per natura non ce l’ha..

da sempre mi sono chiesta  dove  fossi tu, mille volte ho sognato tu fossi qui, ho pianto per riportarti a casa nelle bizze di bambina…   tu che dal mondo dei bimbi sei passata a quello dei morti senza affacciarti qui da noi in questa vita terrena , tutto questo in quel giorno che abbiamo in comune che è un po’ il nostro marchio di fabbrica..  poi eccomi lì IO,  dopo due anni finalmente in quella casa c’era un pianto di bimba, sicuramente accompagnato dal pianto misto tra gioia e dolore dei nostri  genitori,  perché ora da mamma posso immaginare, anche se per fortuna solo lontanamente, il dolore che loro hanno provato e provano ancora per te ..  ma così quel giorno è accaduto qualcosa  il numero doppio, il mese delle rose e della Madonna ..  tu.. poi .. io..   ecco NOI…..  DUE in UNA .. questo mi  è apparso, questa l’unica spiegazione logica e plausibile..   perché se ben ci penso io  sono così serena nella solitudine perché sola non lo sono mai.. perché  ci sei tu che sei in me e  mi fai compagnia, il mio non timore dello stare sola , del  muovermi nella notte , nell’occuparmi di me come se mi occupassi di un altro.. per me è semplice quasi bello,   e non ho bisogno di  riempire spazi, perché tu forse sei la parte che mi  affianca ..  potrei  dire che sei il mio angelo,  ma forse sei ancor di più ,sei proprio  in me, una parte di anima..  e infatti,  così si spiega la mia personalità eclettica , quasi folle, il mio essere    insieme  cose opposte, adorare la natura, il silenzio i sentieri , i prati e le spiagge deserte, e poi     amare la confusione e la gente , le discoteche, i concerti, i luoghi affollati.. …. godere di stare  anche un giorno intero a leggere un libro  seduta sul divano e  allo stesso modo  godere di  passare una notte in giro per locali con mille amici … impossibile se non fossi  DUE essere così a mio agio ovunque senza fingere.. amare le scarpe da ginnastica  e la tuta quanto  i tacchi alti e le gonne strette… essere rotonda e quadrata.. solo essendo DUE  parti che si fondono fluidamente e  armoniosamente dando spazio all’ una o all’altra   a seconda del momento e che comunque  convivono serene felici e sorridenti..

Infatti ho iniziato a riconoscermi il giorno che ho accettato di essere tutto, e ho messo tutto insieme senza preoccuparmi di come mi vedevano gli altri di ciò che sarebbe stato coerente  con  quella che ero..  il giorno che ho abbandonato il sentiero dritto  per zizzagare  in ogni dove  ho trovato la via.. e solo essendo tutto questo senza privarmi di niente  sono felice .. solo essendo questa  accozzaglia sono me stessa .. solo così.. ecco cara sorellina, che non  ho mai potuto abbracciare,  alla soglia del nostro giorno,  una sera mi hai rivelato questa cosa, me l’hai fatta apparire chiara nella mente,   limpida e semplice.. ecco.. io e te siamo io…   Io non ho paura, tu ci sei, sei la forza che da sola non avrei avuto per affrontare gli schiaffi della vita, sei la lucidità che sembra assurda nelle situazioni difficili, sei il sesto senso, e sei il mio vedere un po’ più in là sempre, capire  anche ciò che non so,   sentire  energie , sofferenze e gioie in me e negli altri smodatamente..  e me lo hai detto  .. adesso so.. adesso.. ! Buon compleanno a NOI..

abbiamo attraversato il mondo, tu ed io.

e come dire che tra le tue braccia è casa, che nei tuoi occhi  c’è la sorgente dei miei gesti, il coraggio della follia o dell’immobilità.. quando come se ci fosse una calamita mi attiri e non posso fare a meno di incollarmi  a te,  non curante del mondo intorno, e se ci siamo persi ti ritrovo.. in noi vive il doppio gioco del dire e del fare.. un po’ vince l’uno e un po’ l’altro, ma quel filo non si spezza.. sopravvive, vive.. in tutte le stagioni della vita.. nella calma apparente, nel silenzio, nel tumulto…. e poi come un fiume in piena dal niente .. le tue mani addosso , i tuoi respiri  che incalzano sul mio collo,  si inarca la  mia schiena, salgono i brividi.. salgono mentre sono ancora incredula che sia tu, e che  sia io.. ma allo stesso tempo mi sembra l’unica cosa naturale che possa accadere tra noi.. l’unica che esiste nei nostri sguardi, l’unica conseguenza ai nostri discorsi, ai nostri abbracci… tu che ogni volta sei la ritrovata novità… e mi libero in un attimo mentre l’istinto animale di noi si alza dall’anima e si trasferisce nei corpi, che non si fanno pregare  per entrare in contatto che lo sono infondo sempre,  e si mescola dinuovo tutto in quella nostra passione animale in quella nostra carne che profuma di giorni passati e di attimi rubati ..   è così… e non ti chiedo perché non saprei che rispondere se tu mi chiedessi.. è così .. e mi sento come se avessimo attraversato il mondo e fossimo lì lì per tornare al punto di partenza.. con la consapevolezza del bello ma con la spossatezza del tempo e con il terrore del ripercorrere quelle strade che non sono sempre state facili.. in questo nostro viaggio  ci ritroviamo sempre vicini e poi ci allontaniamo, non ci stacchiamo mai troppo, ma non ci prendiamo nemmeno per mano, ognuno i suoi passi, ognuno i suoi pensieri che spesso si assomigliano, ma che non conosciamo nel profondo..  e allora resto in silenzio a godere del bello e della luce che resta sul mio volto  e nei tuoi occhi, resto in silenzio sorrido ti penso e penso che ti voglio un bene infinito e che  il sangue è sangue e  se si può non comandarlo.. è bellissmo…

lasciare il sentiero e perdermi

e  quando mi guardo allo specchio adesso vedo il mio volto che a stento sorride, le guance che sono tirate giù dalla forza di gravità e dal mio animo grave e   sento quella  lama sottile che passa attraverso  ogni viscera.. piano e lacera  ogni filo di  esistenza,  ricordandomi la ricerca infinita della mia stabilità quella che a volte si perde per niente, e come un secchiata d’acqua,  l’assenza dei tuoi abbracci e dei tuoi baci che pur senza futuro davano un ottimo sapore al presente , mi ha riportato ai miei  malinconici pensieri usurati,   a  dare un altro stop alle cose a decidere di avviarmi per un altra strada, almeno per un po’.. a lasciare il sentiero e perdermi nel bosco per cercare di ritrovarmi, nelle mie parole strane e nelle mie canzoni assurde,  nei libri sotto il braccio e nei sogni…  voglio perdermi e perdere la ragione per sentire se ancora c’è il sangue nelle vene, scelgo di cambiare , almeno ci provo..  non ho passati da cercare e  rimpiangere ….. almeno quelli lontani sono così amari che certo non li rivorrei, altri magari  li riprenderei per le piccole  brevi e intense emozioni, di un messaggio sul cell.  e di un sorriso stampato sulla mia faccia mentre guido sulla strada di casa infilandomi dentro il rosa del tramonto…  ma  in quel passato non c’è niente di quello che desidero,   i sentimenti  quelli  belli sono tutti lì  ben piegati e riposti nei cassetti, alcuni invece sono stati dissolti nell’acido del tempo e del dolore.. e come chi aspetta il treno che non passerà mai perché hanno deviato la linea ferroviaria, resto immobile ad aspettare che la vita cominci , mentre vivo e non me ne  accorgo; e devo  disperdere questa rabbia che ho contro il mondo e contro tutti, contro me e la mia maledetta testa, i miei errori, irrimediabili ma fatti.. andati… mi perdo nelle note di una canzone, di una voce amica delicata disperata, e con la sua disperazione cantare perché nel niente se ne vadano questi   fantasmi dell’anima  divisa tagliata sfilacciata….  ed ogni volta è così, ed ogni volta è il tonfo sordo di chi tenta di volare, solo che ogni volta è un buco più grande e profondo…   e resto qui gli occhi rivolti al cielo  lamine d’acciaio che cadono graffiando le guance …

te , me , noi!

Hai presente due matti, si quelli  che assomigliano un po’ a noi, a te e a me.. quelli che  forse potrebbero inquietare il mondo… ecco quelli che poi  capita si incontrano, superano brillantemente le prove del nove, e magari, tanto sono bravi, estraggono anche le radici quadrate..  quei due matti.. si incontrano  in mezzo alla gente e sanno che  solo loro sanno.. che solo loro sono.. e in quella pista incuranti del luogo, dell’ora, della gente… lì  tuffarsi in un abbraccio che  porta via dalla realtà, porta in un altra dimensione.. un posto dove tutto può succedere, dove poi tutto resta lì e mentre intorno potrebbe esserci il terremoto, una manifestazione  sindacale, un esercito che avanza…  ecco nell’altra dimensione niente solo loro, i matti ,  noi, io e te, le tue braccia grandi, dove  mi perdo , dove anche se non voglio,  mi abbandono appena sento che si chiudono intorno a me…  lì sarei rimasta per tutta la vita, o forse anche solo per una notte intera,  e in quella dimensione parallela, le parole forse alleggerite dal cocktail  di turno,  volano dove non pensavi ,dove non ti aspettavi, dove volevi.. che non finissero… ma non so perché questo è quello che accade ora con te, che ora continua a accadere, quello che vorrei potesse esplodere, quello che vorrei potesse   essere.. perché sento che tu sei diverso, sento che tu sei pelle, quella che  sembra fatta in laboratorio per stare bene con la mia, la cosa più naturale di questo mondo, non lo so, me lo chiedo e sono coincidenze, e sono sensazioni, ma io vivo l’attimo improvvisando e vorrei che l’attimo seguisse l’attimo e magari diventasse un minuto, non chiedo mica di più… la semplicità e serenità di dedicarsi un po’ di tempo che poi insieme vola..  ma che vola se pieno di parole, di sorrisi o di sesso… vola sempre…  non posso scordare ciò che sopito dentro mi rimane lì così quando ti vedo..  non posso far finta di niente se mi tremano le gambe, se chiunque perde  l’alone di interesse se solo  penso a te… se mi diverte guardarti e riderci su come due bimbetti  complici che si capiscono al volo e sono pronti a impancare le più grandi marachelle e si guardano capiscono e ridono… insomma  non so che sia.. la nostra non  normale normalità  ma so che mi piacerebbe un sacco viverla un po’ di più….. e resti sempre lì …. lì dove finisce il corpo e inizia l’anima, un po’ sopra al cuore !!!!

volevo piangere

tu.. così dal niente , mentre la sera scendeva come a far calare il sipario sul giorno e a creare intimità,  così in un momento in cui avevo poco tempo da dedicarti, ma tutta l’attenzione.. tu hai iniziato a rovesciarmi addosso un mondo di cose belle, di “amore”, di sensazioni infinite, di emozioni; mi hai lasciato senza parole, cosa inusuale, io parlo sempre tanto, troppo, ma tu mi hai lasciato così, piantata sui miei tacchi a prendere secchiate di infinita bellezza,  avevo paura di non riuscire a sentire tutte le cose che mi dicevi, con una naturalezza che  mi toglieva il fiato, e ogni parola  rendeva più molli le mie ginocchia,  faceva tremare di più le mie mani, sapessi che meraviglia sentire uscire dalla tua bocca ciò che spesso io sento nella mia testa e nel mio cuore nei tuoi confronti… , che ho sempre sentito in tutti questi  anni,  aldilà dell’attrazione fisica, del desiderio del corpo.. oddio.. io ero immobile ma dentro di me c’era una bambina che gridava e saltava di gioia…e volevo piangere,  piangere di gioia.. piangere perché delle cose così.. belle non me le ha dette nessuno, e soprattutto so che non c’è nessun secondo fine, ci conosciamo troppo, so che tu dici solo le cose che pensi e perché le pensi,  e questo vale più di chissà cosa, vale più di qualsiasi dichiarazione d’amore sterile che abbia mai avuto.  Io, io .. io sono troppo felice che tu sia su questa terra, che mi sia  capitato vicino e che  mi sia entrato nell’anima, non farò mai niente per mandarti via, tu sei quell’amore che non può essere tale poichè manca una parte , la parte della realtà quotidiana dei fatti,  e la condivisone dei corpi che  c’è stata e abita nei ricordi, ma sei però oltre, qualcosa con cui, chiunque entra è entrato o entrerà nella mia vita dovrà fare i conti….  perchè tu sei la cosa più bella che mi potesse mai succedere e quando ti dico che volevo piangere… è vero.. ma di gioia.. !!! chiunque si imbatterà in me, ahimè, avrà sempre un concorrente e se mi chiederà di rimuoverlo dalla mia anima.. perderà..  Ci sono cose che non si comandano.. i sentimenti, e magari  visto che io faccio sempre grandi casini non posso dargli un nome, ma  quelli nei tuoi confronti sono così belli e così tanti che… saranno per sempre… e non per quello che mi hai detto, ma perché sono lì dentro, le tue parole mi hanno solo riempito di felicità!!!!!!

piacevolmente DONNA

attendevo da tempo i brividi e speravo esistessero ancora, mi sentivo un bel fiore appassito per la mancanza d’acqua, avevo perso la voglia di credere che esistesse qualcosa di diverso…. poi ho dato retta a quell’istinto, rimandato indietro da tempo, ho fatto si che .. ci fosse… ho fatto si che fosse… quando  ho sfiorato la tua pelle, .. un piccolo brivido, era vero non era immaginazione.. avevo voglia di sfiorarla ancora di toccarla e poi percorrerla…. avevo voglia di  andare oltre.. oltre al tuo sorriso, e al tuo sguardo.. e trovarti così,  lontano dal caos di sempre, lontano dal sorriso mescolato alla gente, alla musica , al rumore di bicchieri e parole… mi ha fatto bene, mi ha fatto sentire.. mi ha portato piano rilassatamente verso te, uno sconosciuto che  non è mai stato tale,  a volte ci ho pensato, ma poi mai fino infondo .. e invece.. è stato così piacevole..  sorreggermi al tuo barccio e camminare con te, tra l’imbarazzo lieve dell’incontro e la  voglia di scoprire; come fosse Natale, e  fossi un  regalo da scartare, qualcosa di nuovo e  eccitante da esplorare.. ed è  così che è stato in quell’accompagnarmi al tuo braccio, per rendere più sicuri i mie passi tacco 13.. e un po’ di più,  mi sono persa nel desiderio di sfiorare le tue labbra, senza nessuna voglia di nascondersi dientro ad inutili reticenze,  mentre seduta davanti a te potevo indugiare sui tuoi particolari, sul tuo sorriso accattivante, sul tuo sguardo  cercando di scoprire cos’era che  mi costringeva ogni volta a  guardarmi intorno, con il desiderio di incrociarti, di scambiare due parole,  mai troppo vuote, mai troppo scontate.. e adesso ero autorizzata a  guardarti da vicino, finalmente, sentendo la tua voce, e capendo le cose che dicevi, senza alcuna interferenza..  sorpresa di trovarmi a “casa”, sorpresa di guardarti  e  continuare a non capire cosa mi attirava in te, ma sentirmi comunque sempre più attratta da quel sorriso che si stagliava sulla tua faccia,  ero serena e stavo così bene con me stessa (finalmente)  che… piano si faceva spazio in me il desiderio di.. avvicinarmi,  e così tra un bicchiere di vino e le tue parole…ho  iniziato a cercare di scoprire il tuo odore,  finchè  non ti sei avvicinato e  ho capito che potevo smettere di cercare,  la tua pelle si confaceva con la mia,  anzi  da sotto i vestiti il corpo rivendicava la sua libertà di  toccarti, e mentre salivo le scale saliva con me, con noi, il desiderio di  ascoltare quel grido e  mescolare un po’  di noi.. e così che è stato   ridendo  rilassatamene prendersi e perdersi in un unico momento di passione, e liberare anche l’ultimo  respiro perché diventasse un sospiro..  .. liberare il piacere, ricordarsi come si fa a lasciarsi andare totalmente, mentre la mia mente lo voleva il mio corpo  doveva recuperare certi movimenti e un po’ di spontaneità, ma in te ho trovato mani forti e  labbra morbide e carnose, ho trovato la tentazione,e  la gioia di cedervi… mi sono scoperta  ad avere ancora la voglia di giocare con quel piacere che libera la testa e i sensi, e mentre   gli spasmi  squassavano il mio ventre guardavo i tuoi occhi intenti a  carpire il piacere che mi stavi regalando, e in me saliva la voglia di ricambiare ,  brivido  dopo brivido..  finalmente nelle mani di un uomo, finalmente mi sentivo donna… autorizzata a essere donna, anzi liberata e fatta sentire “donna”… e poi ..  ma si.. e poi chi ha pensato più..   … ho sciolto le catene e mentre  tutto  si consumava..  beh mi sentivo bene… e bene sentivo te…  nel  buio che mi portava a casa,  non riuscivo a pensare ma solo a sorridere,  era un bel po’ che non mi capitava che ci fosse l’attenzione  su me e sul mio piacere, sul mio corpo,   che non fossi considerata un oggetto del solo egoistico piacere,  costretta in un certo senso a condurre i giochi a essere uomo, dalla cena, al  resto.. dal sorriso al piacere.. e invece per una sera  DONNA..  e come sempre  ho sostenuto, fosse anche solo finita così.. sarebbe una conquista.. perché non conta quanto, ma conta come.. conta l’ora, lo star bene, perché è questo  che mi piace che desidero…  e cerco di dribblare la sofferenza, finendo poi per caderci distrattamente, ma poi se riprendo il controllo di me, piuttosto mi fermo un pochino prima di .. ma mi godo l’attimo del bello che c’è.. e fosse anche solo un ora, una sera…  tu mi hai fatto bene.. bene sei..e  quel sorriso rimane tra quelli da mettere nel libro delle cose belle…quelli a cui magari si chiede la replica, ma a cui non si   deve chiedere mai  troppo,  un sorriso di quelli che si cerca per star bene e a quelli a cui si offre, si regala liberamente  la parte migliore !!!