almeno una cosa carina….

oggi sorpresa delle sorprese.. homepage… non ci credo… bell’emozione è la mia prima volta….
.. almeno una cosa carina è successa… oggi non è un granchè ho un nodo allo stomaco che mi stringe….ho fatto e detto cose che sono vere e che sento, ma che probabilmente alle orecchie di chi dovevano arrivare non hanno fatto nessun effetto… non so è una sensazione di vuoto che fa venire il vomito… e ora devo tornare a casa e fare le cose di tutti i giorni, non so come…
So che in questi giorni la demenza mi sta assalendo, probabilmente è uno stato della follia che sto affrontando, sempre quella grande trasformazione di me…. ma questo stato non mi piace, mi sento una perfetta imbecille… ma poi mi sollevo dicendomi che forse io sono così per relativismo?!.. mah! basta oggi sono così stupida che proprio mi odio!

….lentamente mi cerco….

e trovarsi .. ritrovarsi…
sono qui e mi cerco, si strana questa cosa, cerco me stessa, cerco la mia essenza… ormai la primavera è alle porte ed il sole e quest’aria profumata mi invadono, e mi rendono radiosa, felice di esserci… e di essere come…..?! come non lo so !Sempre così un po’ ibrido… un miscuglio pazzesco di mille cose, sono io, la nuova me che avanza e che è sempre più felice di essere così, spumeggiante e piena di vita, anche se con un quintale di mattoni sullo stomaco, che non trova il modo di digerire… e poi ancora, la vecchia me che non molla, la perfettina…beh insomma un po’ di perfettina la voglio tenere, fa comodo per il lavoro, la casa, il bimbo…. poi ci sono ancora io, quella delle belle amicizie ritrovate, oppure appena nate, tante donne strette in mille confidenze, nel dividere serate di risate e cazzeggio, e serate di introspezione acuta, e ancora io, quella incazzata con il mondo perchè non trova il tempo per leggere un po’ di quel libro che c’è sul tavolino… quella che ascolta sempre e comunque tanta musica, che si applica in ufficio, che ride e sorride con tutti, ma che se potesse farebbe scomparire il marito…! Insomma quasi una psicopatica!?! Ma forse è proprio questo il bello.. quello che mi fa sentire viva… perchè vivere è sempre essere alla ricerca… di tutto.. ed io non mi sento mai arrivata…. a volte ho solo la fottuta paura di partire… mi serve un calcio per andare… ma dopo non torno indietro, non lo faccio mai… e se rarissimamente l’ho fatto…giuro a me stessa che non lo farò più, mai più!!!!!

….il perchè si scrive…

il perchè delle cose… di un blog, me lo sono chiesto… e sapete.. è la mia mania di scrivere di cercare di dar sfogo alle mie emozioni, di mettere in riga i miei pensier, purtoppo non sono brava a disegnare, non sono brava a dipingere.. e allora provo a scrivere…. atirare fuori le cose che altrimenti stanno dentro e poi diventano troppo grandi per dirsele….da sempre ho scritto, quaderni, ne ho mille pieni di pensieri senza logica senza ne capo ne coda, senza motivo, senza tempo… pensieri di me , di amori, di amicizie di emozioni di tutto…. e lettere a tutti, anche agli amici che abitavano anche a soli 5 km da casa, con quelli che ci sentivamo anche per telefono la solita mezz’ora alla settimana, ma scrivere è sempre stata un esigenza che sentivo dentro…. e che sento… le mail alle amiche di sempre sono dei libri infiniti.. si insomma quando non abbiamo molto tempo per parlare, allora almeno scriviamoci così… ci si racconta e poi questo blog… era da tanto che volevo farlo… e poi un giorno eccomi qua .. ho iniziato…. e scrivendo mi affronto cerco di dirmi quelle cose che penso e quindi rileggendole non posso fare a meno di accettarle… insomma tipo psicoterapia personale….insomma… poi il vantaggio del blog è che ti fa sentire meno sola con i tuoi pensieri… ti fa sentire parte di un mondo particolare, dove non c’è bisogno di carta d’identità, dove non c’è bisogno di dichiarare per forza dove vive, cosa fai…… solo quello che vuoi e quando lo vuoi…bella questa cosa mi piace, mi consola, mi culla…..mi fa sentire ancora più libera di parlare di me.. certo chi mi conosce, mi può facilmente riconoscere… ma solo chi mi conosce bene…. insomma è un po’ come la frase di Renato Zero… quando parla di Motel “La chiave, non si può sempre dare la chiave.. bisogna stare un pochino accorti nella scelta della clientela……ecc” Io la chiave la tengo sul tavolo a destra e sono sempre pronta a darla a chi vuole entrare nel mio mondo…ma prima dobbiamo conoscerci un po’.. almeno a pelle….

certe cose le odio davvero!!!!

…portatemi via, fatemi sparire da questo posto osceno… che palle io non sopporto più nessuno di quelli che ho intorno….la gente che rompe il cazzo con parole di assistenzialismo gratuite, la gente che non si fa i cazzi propri… li odio e vorrei scomparissero… lo so sono spietata, infondo mi vogliono bene e si preoccupano per me… ma io non ho nessun bisogno di loro che vivono solo il riflesso della vita di chi hanno intorno… io non sono così, non lo sono mai stata e non lo sarò mai.. e stamani se c’era un modo per farmi incazzare lo hanno trovato, la telefonatina con quelle maledette paroline sdolcinate quel tono tipo poverina sta male… non c’è bisogno di compassione, sto male, si l’influenza viene ai comuni mortali… ma non muoio mica… e se anche dovessi morire saranno fatti miei… cavolo come vorrei essere Samanta la strega storcere il naso e far sparire tutta sta gente dalla mia vista…..!!!

……….

e resto qui ferma immobile a guardare il vuoto di uno schermo che vorrei mi prendesse a schiaffi tanto sono antipatica, per quanto non mi rassegno e forse dovrei farlo, per quanto tenti di trovare una spiegazione plausibile alla fine di un matrimonio che quando dico a mio marito che non va almeno abbia un motivo… ma c’è il motivo è lui che non lo vede non lo capisce… se ti dico io voglio un uomo interessante accanto a me uno che mi faccia sentire una persona intelligente quando parlo e non un sommo sacerdote che spara sentenze e fa dei monologhi… a volte mi sento molto Gassman.. ma io non lavoro in teatro, la mia non è prosa e nemmeno poesia la mia è semplicemente la disperata ricerca di una vita, quella che non ho vissuto per far vivere ad altri la loro…. e allora non se ti dico che odio il fatto che tu non abbia passioni, non abbia interessi, solo la fobia di Battiato…, che voglio una persona adulta accanto non dirmi che ti stai sforzando di aiutarmi… non ho bisogno di una colf…ce l’ho già…. e se c’è bisogno la chiamo…. Forse io sbaglio è sempre quel fottuto coraggio che non ho che mi frega, ma l’uniche parole che dovrebbero uscire dalla mia bocca sono… BASTA E’ FINITA! e almeno così un problema si toglierebbe di torno…..ma qualcuno mi può prendere a pedate e gridarmi che è l’ora di smetterla di scassare le palle!… mah

Qualcosa di molto personale….


Ecco, oggi invece di scrivere dovrei dipingere. Si dipingere un quadro astratto pieno di colori di schizzi di pennellate che sembrano date a caso e che invece hanno un loro fondamento, hanno un loro perchè, una loro profonda ragione di essere, di essere lì, e così esattamente… così confuse e sconclusionate. Questo è il mio stato d’animo oggi, anzi è da un po’, ma oggi è diverso perchè il caos apparente ha invece un sottofondo di calma e di lucidità che tutto sembra spiegare e rendere razionale.Pennellate di azzurro e verde smeraldo.
La mia vita da un po’ è mia ed ho preso in mano tutto quanto, certo non ho cambiato molto, ma almeno ho tolto la polvere dalle cose e poi pian piano le prenderò in mano, una alla volta, con cura, con il rispetto che si deve a tutto quello che in qualche modo e in qualche momento mi è appartenuto.Uno schizzo di giallo qua e là.
Oggi la certezza di quello che voglio forse non è ancora definita, ma non arriverà mai è solo che davanti a me c’è il precipizio ed io mi sto avvicinando a piccoli passi lenti… e poi sarà… come sempre mi butterò, non torno indietro…un bel matrimonio… ecco si, quello che avevo sognato da bambina… e quello che non ho mai vissuto, se non nella mia testa… un marito che a volte credo mi ami e a volte credo che stia con me perchè infondo non ha trovato nessun altra e allora si è inventato che questo è amore, ed io (cretina), che mi sono lasciata innamorare dell’amore e anche quando il dubbio mi è venuto non ho avuto le palle per affrontarlo, perchè quando si sceglie si sceglie e nella scelta si rimane…. e poi in tanti mi hanno detto “Lui è stato pensato per te!”… ed io mi sono convinta che fosse vero… ma non lo so adesso mi chiedo se lo sia mai stato… ! Ecco il grigio, il grigio che a volte tende al nero, altre al pallore del perla, altre mischiato a tutti i colori che poi perdono brillantezza. Si e poi un giorno ti ritrovi davanti il più bel bastardo che hai mai visto,quello per il quale vuoi fare follie, tutte le follie del mondo.. perdi la testa, vuoi la storia l’avventura, vuoi il fuoco e lo hai lo prendi e poi ti accorgi che ti sta scivolando di mano come una saponetta quando fai la doccia, ci provi fino infondo a recuperarla, ma non ce la fai…fa male perchè la passione per te ci sarebbe ancora, però non lo capisci,oppure semplicemente gli è già passata… e infine ti rassegni…. ma almeno c’è stato… c’è stato ed ora è tatuato nella tua anima…. non lo odii, non si può, lo adori e ti sta simpatico…. ma anche lui è quella pennellata d’oro e rosso sangue che è lì e lì rimane..!
Adesso che voglio, non lo so forse l’azzurro… quello del cielo d’estate, quello che a volte fa male agli occhi tanto è bello…e poi il rosso, lo voglio, voglio il rosso ancora, non voglio rinunciare più alle follie alle passioni.. .. mai …l’ho fatto per troppo tempo e ora no! Basta!

Pensiero della mattina

Ho bisogno delle tue mani…
le vorrei sentire sulla mia pelle..
ancora, ancora..
non una volta, non mi basterebbe..
ma milioni di volte…
ed invece niente, non so a che gioco giochiamo..
ti lascio fare come sempre…
imprevedibile,
ed io che pendo dalle tue labbra..
che vorrei saltarti addosso e gridarti AMAMI….
oh cavolo.. te l’ho detto mille volte
non si può vivere così e desiderarti così.. è troppo…
non ce la faccio… devo placare la mia sete di te…
ma ho il terrore di ricevere una porta in faccia…
adesso non ti ispiro più…
siamo amici, e mi piace, mi va bene, ma poi vorrei di più
ho ancora il sapore di Lucifero in bocca….
lo cerco avidamente dentro me..ma i bisogni risorgenti…
risorgono ed io… non so che farci… è risorto… e bene…

ma che palle !!

Si, si, che palle care amiche… io oggi sono proprio in vena… Ho voglia di fare sesso… ecco l’ho detto… non è da me, forse non si addice ad un impiegata modello, ad una mamma perfettina, ad una moglie fredda … ad una persona NEGATIVA… ma cazzo, io ho voglia di fare sesso e solo con te! ma tu non capisci e allora… mi rassegno…. ?! Non so, non credo di potermi rassegnare… Io ti voglio, voglio te ed il tuo… bel Cazzo!! te l’ho detto adesso… ma chissà se mai mi incontrerai qui… non penso , comunque dovevo gridarlo e non mi sembrava il caso di farlo dalla finestra, forse mi sentivi meglio, ma insomma un po’ di ritegno!!!

Non riesco proprio a capire…

Come si può decidere di uccidersi a 21 anni?
Io non so come si possa fare questo, qualunque sia il motivo non penso ci sia niente di così infinitamente importante per decidere di togliersila vita, e non perchè non capisco le sofferenze interiori della gente… assolutamente, ma non rieco a comprendere perchè uno decida di non vivere più, a 20anni, poi, senza problemi di salute, insomma perchè?
La vita è qualcosa di grandioso, solo per il fatto di essere… di esserci, e certo a volte le giornate sono nere, i periodi sono neri, ti senti la tristezza che ti attanaglia il cuore, ma poi infondo c’è la curiosità di andare avanti, qualcosa di bello sicuramente è in serbo per noi, forse ci costerà fatica arrivarci, ma è questa la cosa bella, è così che deve essere la vita, il tutto e subito non esiste.
Forse a volte manca il coraggio per andare avanti, a volte è più comodo decidere di farla finita… forse sarò spietata, ma è così… non si può… ma perchè tanto disinteresse per questa linfa che scorre nelle vene… ma pensiamoanche a chi vorrebbe avere la possibilità di vivere tutto quanto e non può, e non gli è concesso dal boia del male… ma che cavolo… pensiamo a quanto è ingiusto!!!!!!

Amami!

Amami, se puoi,
amami con passione, con dolcezza, con fantasia.
Amami, fallo adesso,
non importa il come, il dove,
qui va bene,comunque…
sazia la voglia che ho di te,
placa la mia ansia,
prendi la mia anima e falla volare,
annienta i miei sensi.
Se puoi, se vuoi, fammi tua,
ancora una volta,
anche se non c’è un senso,
anche se questo non porta a niente di più,
ma amami!
E se mai ci fosse anche il tuo cuore,
sarebbe bellissimo,
sarebbe amore…ma non importa,
mi basta così..Amami!