.. Finalmente casa nuova

Ho traslocato!

E’ arrivato il giorno,  dopo undici lunghi anni, ho fatto le valige   un po’ di fretta , con la smania di arrivare in questa nuova casa.

L’ho appena comprata e per la voglia di venire a starci ancora non ho provveduto a metterci mobili e  suppelletteli,  ci sono io , il bianco delle pareti, con solo una leggera sfumatura di rosa,  le mie valige chiuse , da aprire piano piano,  sono piene di sogni, di sogni sognati e vissuti in tanti anni; milioni di parole ancora chiuse in attesa di essere messe dinuovo in fila una per una,  per ricostruire la mia vita, quella che io ho scelto ormai tanti anni fa, quella che io volevo.. quella che ha dato respiro alle mie  emozioni, che mi ha fatto prendere il coraggio di salire su un paio di tacchi e guardare il mondo da un punto più alto, quella vita del “secondo giro” , quella dove  io mi sono sentita me, per davvero , dove mi sono liberata di quella   ragazza/donna che era il frutto di ciò che gli altri si aspettavano da me, e non assomigliava nemmeno un po’ a quella che stava dentro di me, quella vita che è esplosa  come se  avessi dato un calcio e ribaltato un tavolo, con la stessa forza, con la stessa determinazione , consapevole del guaio fatto, dei cocci rotti, delle sgridate, ma anche consapevole che tutto può tornare a posto, ma in modo diverso,  tutto con un altro ordine, con tanta fatica, sofferenza , ma con la certezza che questa era la via., e la via è.. amo questa me  , posso ancora migliorare, ma quando mi guardo allo specchio adesso sono serena e soddisfatta di quella figura  che vedo, che conosco ,e anche se il mio occhio e la mia indole critica e intransigente solo verso me stessa, mi porta a dirmi che questo o quello non va,  poi in fin dei conti mi faccio l’occhiolino e sorrido  compiaciuta.

Ho portato tutto con me,   lacrime e risate, amori , delusioni,  gioie, disperazioni .. insomma tutto.. e da QUI RICOMINCIO.. questo fiume di pensieri e emozioni che dentro stanno strette e sentono la necessità di vagare nel mondo..

e poi ecco dinuovo  il rumore delle dita sulla tastiera che  a volte è  bisogno, smania, desiderio, cura e malattia…. !!

Signorina!

sarei rimasta

ci sono parole che restano nella mente ” e ora? sparisci anche te ?”  e ci sono gesti che si fissano nel vuoto .. un bacio regalato e ricambiato mentre  ti avvii verso il sonno ed io verso casa,  e ci sono orde di pensieri che hanno affollato la mia mente , richieste che non hai fatto e che non ho  voluto assecondare, parole che non hai detto e che non ti ho fatto dire e così senza  quelle parole come se  un bel po’ di mesi fossero solo  ieri, così ancora una volta, per cosa poi non lo so ,  ma avevo bisogno di quel tuo essere, della tua pelle e delle tue mani, avevo bisogno e voglia non lo so di vedere cosa c’era in te, non ti ho detto una parola era tardi, era un incastro tra stanchezza e ferie , ma  tra le tue braccia volevo stare , tra le tue…  una volta ancora forse come a cercare una parola che non c’era, non ho conservato nessun rancore , nessun dolore, ormai sono anestetizzata , non cerco spiegazioni e faccio cadere ciò che non riesce a volare, mi abituo alle assenze dopo  le belle presenze, mi abituo  a non far caso .. sorvolo su parole e sguardi, purtroppo sono ancora in grado di vedere e leggere tra le righe delle parole non dette, di capire , di interpretare i gesti  e dar loro il significato, di cogliere le sfumature, ma tutto ciò lo faccio dietro ad un vetro antiproiettile, non passa nulla, non passa…  arriva tutto lì ad un passo dal cuore e si ferma, non si può far avvicinare farebbe male, e si evita che possa far anche del bene.. è l’abitudine a salvare la pelle.. adesso da un po’ è così… e  non mi fido se non mi si chiede, e non faccio se non si fa.. nelle tue mani, in quelle mani sarei rimasta, ancora, e  avrei voluto vedere quel bene che da lontano si intravede, che dai tuoi sguardi sfugge quando li distogli, avrei voluto vivere e ridere e correre e  condividere, mescolare le vite per alleggerire i pesi e godere delle gioie ma non ho avuto la forza di prenderti a muso duro e dirti.. che cazzo fai? che cazzo vuoi dalla mia vita?.. e così.. mi sono allontanata da tutto ciò.. ho fatto in modo che diventasse quello che hai scelto fosse , un incontro scontro a fine serata… niente più… niente.. e quel bene riposto nel cassetto,  chiuso  bene  e se non ti scrivo non è che non ti penso e se non mi senti non è che non ti penso, perché i pensieri non fanno rumore, i pensieri non lasciano traccia;  ho lasciato  che piano i silenzi fossero la normalità.. e svanissi come sei apparso.. e ti lascio lì nelle foto di watsupp  che ogni tanto mi passano sottomano, nei messaggi che ogni tanto mi vengono in mente, nelle note che quando vado a camminare si infilano nelle cuffie e sotto la pelle… ti ho messo via..

finchè forse tutto sbiadirà

come in un film dalle atmosfere sfuocate di un tramonto ormai esaurito di un’estate ancora piena, si consumano le scene che  nascono dalla malinconia profonda delle cose che non comprendo, che non voglio  immaginare, e riappari,   dopo un bel po’ di mesi e giorni di silenzi, rotti solo da qualche convenevole e  qualche tentativo di  riallacciare una confidenza diversa;   appari e fingi di non vedermi,  reggo il gioco a fatica,  so che sai dove sono, che mi vedi e mi guardi mentre non guardo,  il mio istinto mi avrebbe portato ad alzarmi di corsa dalla sedia , correrti incontro sui miei tacchi alti e precari ,  saltarti al collo per chiederti come stai, magari  stringerti e darti un bacio, ma l’istinto si sa, ha un grande nemico, si chiama orgoglio, e l’orgoglio mi ha tenuto ferma incollata alla mia sedia, in preda alla sottile sofferenza nata da questa lotta impari  che divorava la mia anima, facendo trascorrere minuti e  sorrisi,  e lasciandoti andare, mentre ripeto come un mantra a me stessa che non  mi posso voler male, ma infondo penso che  ti voglio bene e mi rode questo, mi rodono come sempre le parole non dette, le cose non  spiegate e non capite, quelle immaginate e costruite su castelli di fantasie.. e mentre cala la notte  ad avvolgere i pensieri , appare la luna, a farmi pensare .. e resto così muta nelle mie conclusioni,  con il dubbio ed il timore di non poter controllare ciò che poi vorrei dire, resisto come un audace  atto di forza.. finchè…  non so, finchè sarà così.. forse fino a quando sbiadirà  tutto risucchiato dal tempo …  e si scriveranno altre storie , altre parole , altre senzazioni.. finchè  sarà tutto sbiadito, dimenticato sepolto in  un pezzo di vita, questa vita  che corre veloce, forse anche troppo… che passa come  gli alberi ai lati delle strade , non ricorderò più nemmeno gli occhi, i gesti i respiri .. sarò lontano..

nel silenzio me ne vado… mentre mi lasci andare

piano mi uccidi, non parli, non dici, aspetti che dica , parli e chieda al posto tuo.. ma no, io no, non posso più, non ce la faccio, troppe e troppe volte ho suicidato la mia anima per le altre, mi sento ferita come una farfalla senza un ala che non vola più, se ci sono e resto qui, comprendi che voglio starci e voglio solo essere certa che tu mi ci voglia, elemosina di parole, elemosina di sguardi, di gesti.. ho giurato di non chiederne mai più; la mia vita è piena e ricolma di affetti ed eventi, io sono pronta a accogliere chi a questa vita porta un valore aggiunto, qualcosa in più che sovrasti ciò che c’è ; ma non sono pronta a annientarmi , dinuovo no. Sublimazioni si , complicazioni no… gestire il mio tempo insieme a quello dell’altro per poterlo condividere e moltiplicarne il valore in due, non stare lì a guardare cosa accade, mettere le parole sulle labbra di chi si ha difronte.. sembrano forzature e passi imposti… io sono pronta sempre a squarciare la mia pelle per prendere il cuore in mano e mostrarlo, solo che con il tempo prendo un po’ più di tempo per aprire questa pellaccia dura perché è più faticoso squarciare dove ci sono ferite spesse e ricucite con filo grosso.. e poi quando non trovo altre mani e altri cuori pronti a mostrarsi .. mi fermo..il sangue che esce è meno, è poco.. non ho più quel bisogno che a volte esiste di colmare i vuoti, ho smesso di soffrire di solitudine da quando mi faccio compagnia da sola, da quando mi amo un po’ di più… adesso vorrei solo potermi permettere di esplodere in colori e sorrisi e felicità.. ma se così non è.. diventa solo un gratuito dolore… e finisce che sto ferma a guardare chi mi trasforma da vittima in carnefice, glielo lascio fare con la convinzione di avere ragione, mi chiudo nel mio silenzio, cambio strada, con dispiacere forse , ma con la consapevolezza che ogni passo in più percorso sarebbe un gradino verso il basso.. potevi essere tutto, potevi essere di più.. ma forse non lo vuoi , ne da me ne da nessuno.. e io così .. io così non lo voglio e non lo so e non potrò mai saperlo…. suicido il sentimento al nascere per non morire ogni giorno un po’…

degno di nota

ti volti e dai tuoi ricci spunta quel sorriso che si apre sulla più banale delle conversazioni mentre la tua bocca si  spalanca su  un mondo , sorge il sole e si vede il cielo; qualcosa di bello che ogni tanto vado a ricordare, il tuo naturale sorridere;  hai mani forti e grandi e pensieri profondi, e mai stanchi, hai una vita oltre , sei proiettato fuori forse più che dentro te, e questo arriva come un onda forte  di suono, mi ha spostata e mi ha fatto  dondolare, e mi ha lasciata  li in mezzo ad una  nuvola di pensieri , come fossi su un altalena che ormai va per la forza della spinta  iniziale e  continua a dondolare dolcemente , lì nel mezzo del mondo … questo sei tu dietro ai tuoi occhi neri e scintillanti e  pieni di curiosità, la tua voce profonda accarezza le parole, viene voglia di chiederti di non smettere di parlare, mentre sorridi, viene semplicemente voglia di capire chi sei e cosa ci fai a tu per tu con una vita che forse vuoi solo plasmare, nei tuoi gesti la gentilezza e la cavalleria che si addicono a chi in questo mondo, che va di corsa, trova il tempo seppur breve per non accorciare le parole, spende un grazie  .. sembra quasi impossibile che la tua figura così  imponente  sia leggera come una piuma… la curiosità ti avvolge e  il tempo per scoprire i tuoi pensieri è bramato,  perché chi non si mimetizza tra le folle merita attenzione,  risveglia la voglia di guardare negli occhi qualcuno che aldilà della confusione potrebbe avere gesta e pensieri interessanti  da  condividere… lieve  ogni tuo  passaggio, piena di luce ogni tua apparizione,  di benessere che si diffonde ogni breve conversazione…. degno di nota sei tu nel circo del mondo.

naturale

vedi infilarsi tra le tue braccia di mattina è così istintivamente naturale,  ancora con un piede  fuori dalla routine quotidiana, ancora quasi vergini di arrabbiature e  consuetudini lavorative,   vedere il tuo sguardo, i tuo gesti,  te.. fa scattare tutto così immediato lì dovevo stare, era più forte di me.. lì.. sul tuo petto .. lì tra quelle braccia forti.. lì per prendere fiato , per  avere la forza di un altra giornata, per trovare il sorriso.. lì per un attimo,  mentre intorno a noi l’energia gridava al mondo di scansarsi, all’aria di fermarsi, al telefono di non suonare, al sole di non accendersi ancora, a tutti  di aspettare… e a me di  cedere a quel magnetismo che   pur volendo non posso  contrastare, mentre con una mano scosti piano i capelli    e  le tue labbra dolcemente mi sfiorano di sorpresa il collo, posso socchiudere solo gli occhi e sentire i brividi che percorrono e invadono il mio corpo , sei la sorpresa, sei  sempre un cascata di acqua fresca nello scorrere  insipido dei giorni… niente di più, niente di meno!

10 anni di storia ..il mio blog!


http://signorina2006.blog.tiscali.it/2006/10/12/in_viaggio_dentro_me_____quot_niente_succede_per_caso_quot__1715347-shtml/

“ecco qua, iniziamo a dar fiato ai miei pensieri…
il titolo racchiude l’essenza di me, di questa nuova persona che è rinata esattamente 6 mesi fa, la mia età anagrafica poco c’entra con tutto il resto, non ho certo 6 mesi, ma la mia vita ha avuto una nuova partenza.
Tutto è iniziato con un grande spavento, la fottuta paura che mi rimanesse poco tempo per vivere, fortunatamente solo paura…”

“Certo non è che in un giorno puoi essere completamente diversa.. no, questo no, ma la trasformazione è lenta, parte dalle piccole cose apparentemente banali, ma segno evidente di una trasformazione mentale,il lavoro è duro e sicuramente lungo, ma i primi risultati si vedono si sentono e sono quelli più gratificanti…”

“e allora da 6 mesi mi vesto carinamente, mi trucco, metto le collane, gli orecchini,le scarpe con i tacchi.. insomma tutte le belle cose nascoste infondo ai cassetti le ho tirate fuori, rispolverate e iniziate ad usare…. certo in estate è anche più facile, ma non ho nessuna intenzione di rinunciarci con l’inverno…
Bene questa è stata la prima cosa che è cambiata, forse la più facile, ma è dalle cose semplici che si inizia e poi si prende il coraggio delle propie azioni…”

https://www.youtube.com/watch?v=xVCN7hPdAQM ( ascoltatela)

Questo era  l’inizio , l’origine di tutto questo luogo, di questo fiume di pensieri, di parole,  l’inizio della mia trasformazione , quasi una rinascita ,  anzi senza quasi.. la mia RINASCITA, fisica, mentale , sessuale, sociale, professionale.. tutto e dico tutto si è stravolto, ci sono voluti anni, giorni pesanti come pietre, risate isteriche e  sguaiate, azioni incosulte, pianti e lacrime, le mani sbucciate dalla fatica di ribaltare la mia pelle, ma  oggi posso dire che effettivamente   quella trasformazione auspicata c’è stata, ….  E in questo blog ho messo storie, personaggi e emozioni… un valido aiutante nella messa a fuoco della mia vita in continuo movimento,    luogo segreto inizialmente e poi luogo condiviso con chi   ne è stato attore co-protagonista  e spesso lo è ancora oggi,    e condiviso anche con chi ha guadagnato la mia fiducia, e avrei voluto  che conoscesse a fondo l’anima mia, che se poi ha capito e usufruito e sfruttato chissà..  mani virtuali che hanno letto commentato e condiviso passi di me,  svaniti, salutati per strada tra un tumulto e l’altro della mia anima.. e poi  oggi, un luogo sereno , un po’ abbandonato, ma non troppo , come una casa di campagna dove si torna ogni tanto per diletto, a volte per bisogno e dove si vorrebbe passarci un po’ più di tempo ma si trova sempre una scusa per non farlo… non riesco ad abbandonarlo.. per adesso.. anzi spero sia ancora spettatore dei salti dell’anima e dl cuore.. questa me che ha continuato a mettersi i tacchi alti sempre più, a truccare il suo viso, a scegliere con cura gli abiti e i pensieri, questa me che ascolta la testa il cuore e le ginocchia che si piegano.. vuole essere ancora la “ Signorina”.. perche IO .. SONO IO .. e lo sarò.. per sempre ..

10 ANNI,  DUE VITE ,  UN PO’ DI AMORI, UN UNICO E IRRIPETIBILE 88 , UNA SIGNORINA….  ME E LA MIA STELLA !!!!

1 settembre

 eccolo che arriva settembre come ogni anno segna un nuovo inizio, riprendi da dove hai lasciato, ma speri che ogni giorno si possa trovare un piccolo  momento di felicità sublime, oggi si riparte , tutto è  nuovamente diverso, le giornate hanno già cambiato colore, il sole non ha quella luce così intensa che assomiglia alle grida dell’estate, si avvia piano verso quel calore più sommesso e meno  sfacciato dell’autunno che avanza, eccolo settembre ed ecco il  Primo giorno.. 1 .. una data, la tua data, perché in effetti tu sei  il nuovo  inizio, tu che sei stato sempre la novità, celebri così il passaggio degli anni, e  ormai da un po’ , oggi è il tuo giorno, per te che sei una forza della natura e una sublimazione dell’essere uomo,  oggi è il giorno in cui le parole forse non bastano più, e nemmeno i gesti , il giorno che sarà il 1 settembre di tutta la vita, in questo blog tanto gira intorno a te,  divento ripetitiva e monotona forse e quindi qui si scrive solo per  dire che oggi come non mai ,  la gioia di aver avuto la possibilità di  conoscerti è solo una fortuna e ti auguro ogni bene, e ti auguro  la felicità, e ti auguro la pienezza del tuo essere e del tuo  vivere,  e di godere sempre dei grandi e piccoli  momenti magici.. e sono felice che sia il ” primo settembre”… ! Auguri uomo che sa volare auguri… auguri di cuore.

prima un abbraccio

e ti chiedo un abbraccio, prima dei baci, dei morsi, prima di graffiarmi la pelle con le tue mani forti e decise, un abbraccio prima del tumulto della passione e della carne, un abbraccio prima che ti spalanchi le cosce , un abbraccio che mi apra l’anima, prima che sia tua , un abbraccio prima che gli sguardi si incrocino e ci incatenino per trascinarci giù verso quell’inferno  di piacere che cerchiamo,  si un abbraccio prima di tutto questo, perchè dopo tutti sanno, viene naturale ,ma noi siamo diversi, parti di un modo lontano  separati da vite  e cieli,  uniti nella carne e nella sensualità, nel gioco della seduzione, ma siamo così fuori dalle logiche comuni che un abbraccio prima che si scateni il resto è la cosa più originale che possiamo regalarci, quello che resta che sa di vero, quello che ci rende ubriachi prima di diventare avidi di pelle e piacere, prima che la giostra inizi a girare, quello che si ricorda, un abbraccio che  assomiglia all’orlo del precipizio dal quale ci buttiamo per poi appartenerci e mescolarci , quello che  non ha ancora il tuo sapore addosso, ma che me lo regala… un abbraccio intriso della follia e privo di ogni inutile parola,  i corpi parlano  molto più delle bocche,  così che mentre i muscoli si tendono i sensi si accendono  in quell’abbraccio che da due ci fonde in uno , dove ci perdiamo ancor  prima di perdere la ragione , un abbraccio che conduce alla follia di appartenersi  con forza, a volte quasi con rabbia , che ci rende liberi nella nostra corsa dentro al piacere..un abbraccio prima di questo, che e’ tutto quello che resta, il dopo e’ istinto e magia e’ l’attimo dell’esaltazione del nostro desiderio , niente di piu’.

due in una

e  come per magia ed incanto  in un attimo ho visto più là di me,  ho avuto una sensazione, forse solo una banale convinzione, o la necessità di dare spiegazioni a ciò che una spiegazione per natura non ce l’ha..

da sempre mi sono chiesta  dove  fossi tu, mille volte ho sognato tu fossi qui, ho pianto per riportarti a casa nelle bizze di bambina…   tu che dal mondo dei bimbi sei passata a quello dei morti senza affacciarti qui da noi in questa vita terrena , tutto questo in quel giorno che abbiamo in comune che è un po’ il nostro marchio di fabbrica..  poi eccomi lì IO,  dopo due anni finalmente in quella casa c’era un pianto di bimba, sicuramente accompagnato dal pianto misto tra gioia e dolore dei nostri  genitori,  perché ora da mamma posso immaginare, anche se per fortuna solo lontanamente, il dolore che loro hanno provato e provano ancora per te ..  ma così quel giorno è accaduto qualcosa  il numero doppio, il mese delle rose e della Madonna ..  tu.. poi .. io..   ecco NOI…..  DUE in UNA .. questo mi  è apparso, questa l’unica spiegazione logica e plausibile..   perché se ben ci penso io  sono così serena nella solitudine perché sola non lo sono mai.. perché  ci sei tu che sei in me e  mi fai compagnia, il mio non timore dello stare sola , del  muovermi nella notte , nell’occuparmi di me come se mi occupassi di un altro.. per me è semplice quasi bello,   e non ho bisogno di  riempire spazi, perché tu forse sei la parte che mi  affianca ..  potrei  dire che sei il mio angelo,  ma forse sei ancor di più ,sei proprio  in me, una parte di anima..  e infatti,  così si spiega la mia personalità eclettica , quasi folle, il mio essere    insieme  cose opposte, adorare la natura, il silenzio i sentieri , i prati e le spiagge deserte, e poi     amare la confusione e la gente , le discoteche, i concerti, i luoghi affollati.. …. godere di stare  anche un giorno intero a leggere un libro  seduta sul divano e  allo stesso modo  godere di  passare una notte in giro per locali con mille amici … impossibile se non fossi  DUE essere così a mio agio ovunque senza fingere.. amare le scarpe da ginnastica  e la tuta quanto  i tacchi alti e le gonne strette… essere rotonda e quadrata.. solo essendo DUE  parti che si fondono fluidamente e  armoniosamente dando spazio all’ una o all’altra   a seconda del momento e che comunque  convivono serene felici e sorridenti..

Infatti ho iniziato a riconoscermi il giorno che ho accettato di essere tutto, e ho messo tutto insieme senza preoccuparmi di come mi vedevano gli altri di ciò che sarebbe stato coerente  con  quella che ero..  il giorno che ho abbandonato il sentiero dritto  per zizzagare  in ogni dove  ho trovato la via.. e solo essendo tutto questo senza privarmi di niente  sono felice .. solo essendo questa  accozzaglia sono me stessa .. solo così.. ecco cara sorellina, che non  ho mai potuto abbracciare,  alla soglia del nostro giorno,  una sera mi hai rivelato questa cosa, me l’hai fatta apparire chiara nella mente,   limpida e semplice.. ecco.. io e te siamo io…   Io non ho paura, tu ci sei, sei la forza che da sola non avrei avuto per affrontare gli schiaffi della vita, sei la lucidità che sembra assurda nelle situazioni difficili, sei il sesto senso, e sei il mio vedere un po’ più in là sempre, capire  anche ciò che non so,   sentire  energie , sofferenze e gioie in me e negli altri smodatamente..  e me lo hai detto  .. adesso so.. adesso.. ! Buon compleanno a NOI..