vendesi

imagesCAFD8CPVE mi scopro a pensare solo a te, ma non si può dire, mi prendono già per matta, ma io lo sono di più…… Ti penso e ti Voglio, tesoro mio … Venderò la mia anima logora al più avido mercante d’ amori e in cambio chiederò te … senza nessuna condizione ne garanzia.. senza nessuna certezza , ma te per quel che sei , dolori e piaceri, sorrisi e lacrime,… staccherò quel cartello dal tuo corpo , impegnerò tutti i miei averi, lascerò ogni bene in mano a quello strozzino che ti tiene prigioniero…. Ti comprero’ !!!!!… Si, ti comprerò per averti, ma anche per liberarti … perché mi hai stregato, rapito, incantato, hai annientato tutto intorno, reso vano ogni tentativo di chiunque altro, di attirare fino infondo la mia attenzione…. la strega che hai pagato per quella pozione magica e’ stata brava davvero, un solo sguardo ha funzionato, e poi chissà che c’era nel mio bicchiere…. ???

Confondendomi

 

imagesCAXXICXZLa parte razionale adulta e responsabile di me avrebbe tante cose da dire, con tono quasi irato: “ti stai solo prendendo gioco di me, perchè lo fai?, perche?.. ti diverti forse? “Hai toccato la mia fragilità e ne fai un vanto, scappi per essere inseguito, mi stai lontano perchè palpabile diventi il mio imbarazzo e il mio desiderio, sopratutto, ti stai probabilmente godendo uno spettacolo meraviglioso e  spassosissimo….

l’altra parte di me vorrebbe solo avere 15 anni per potersi sentire autorizzata ad essere scema a credere ad ogni cosa, anche alle favole, per non essere giudicata ingenua e infantile, per poter contare su di un alibi, per tutte le idiozie che fa e che dice, mentre continua sragionare e a perseverare nei suoi ridicoli e veramente squallidi tentativi di averti !

Sono inciampata su te

 

sogno

sono inciampata in te mentre camminavo in una giornata uggiosa , una di quelle con la luce bianca e il cielo chiaro, ma insignificante, e di colpo mi sono ritrovata  invasa dalla luce dorata del sole, i miei passi  si sono rallentati, le mie gambe hanno iniziato a tremare…. ho alzato gli occhi… e il cielo si è squarciato.. era blu sopra le nuvole…. ho visto te, ho bramato te, ho sognato te… e ho passato giorni inventandoti, disegnando la tua anima, colorando il tuo bel sorriso, sfumando i tuoi silenzi in lunghe chiaccherate….

socchiudo gli occhi e disegno il tuo volto, lo ricordo con novizia di particolari, lo passo in rassegna come fosse un opera d’arte,  e mi viene voglia di farti una carezza, mentre ti volti e  fuggi, ma poi torni, e ti prendo per mano, ti prendo le mani, dentro c’è qualcosa di prezioso, i tuoi pensieri, uno sciame d’api rumorose,  schiudi i pugni, e lasciali volare via, che prendano aria, che trovino posto nel cielo,  adesso le  tue mani sono vuote, il tuo  animo più leggero, la tua mente può permettersi di cercare altrove, oltre quello che vedi..

esprimo con timore, anzi terrore, il desiderio che sia tu a inciampare su me, perchè vorrei smettere di  inventare, disegnare, perchè vorrei provare a guardare, osservare, studiare da vicino, la meravigliosa scultura che sei, per capire se infondo sei quello che si intravede da lontano, o da vicino sei solo una copia ben fatta di qualcosa di bello…

meriti attenzione e riguardo, sei così desiderabile che fai male, che i miei occhi non riescono a distogliere lo sguardo,  sei quel battito d’ali che di colpo ti riporta nel mondo incantato, nel sogno perfetto, quelle parole da sussurrare, quelle labbra da sfiorare , quel corpo su cui, anche solo, pensare di morire fa bene all’anima, e non sarebbe la solita noia, non dà questa sensazione, non è qualcosa di consumato, di scontato, di comune… e guardarti da lontano ancora un po’ per poi allungare la mano.. Dio mio fa’ che inciampi su me… perchè vale la pena di avvicinarsi, perchè  oggi ci è concesso, il domani non so , non sono sicura mai che ci sia il domani, e quando per un secondo si annusa l’odore della non opportunità che ci sia il domani, dopo, tutto cambia, ogni cosa ha valore solo se oggi si  può pensare..e mai si rimanda… e mai..però…. forzare.. quel che non è,  non è perchè non deve, non può essere, .. anche se si spera sempre che ci sia concessa almeno un ora perchè possa essere…….  Dio mio fa’ che inciampi su me…!!!

Il circo è chiuso!

8290532-smstasera il circo è chiuso , si cari signori, non andrà in  scena il solito spettacolo, stasera no… il vostro acrobata, equilibrista, truccato da clown su trampoli alti tre metri e con vestiti sgargianti, stasera non c’è… si è seduto sulla panchina a contemplare il cielo,  è sceso dai trampoli, si è spogliato piegando con cura i suoi abiti, si è tolto il cerone e i lustrini dal viso, e si è seduto in silenzio, abbandonando questo rumore, lasciando le luci spente…

 sono qui

… non riesco a fare acrobazie e su quel filo in equilibrio non ci sto , oggi no.. sono qui, disarmata , non sono nessuno, passerò inosservata, la gente non si accorgerà di me che guardo la luna, che conto i fili d’erba che ascolto i rumori della notte, tutto sarà silenzio intorno, ……. e tu arriverai dal niente a cancellare la mia mente, ti imploro, non chiedere e non parlare, cerca solo di farmi volare , in quel cielo, lontano.. fin sopra al mare, e prendi il mio corpo, con decisione, e riempilo di baci e stelle, con la tua bocca percorri lineamenti e curve, dalle labbra  scendi a conoscere i miei seni e piano scopri e ricopri di baci i miei fianchi,   tra le tue mani l’aria fresca che mi inebria la mente,  la tua pelle si incolla su me come il blu della notte, perdiamoci insieme in questo non tempo, alle spalle il tumulto della gente, le luci e la musica festosa .. e noi , qui ,che ci apparteniamo per un attimo e lo fermiamo nell’immenso del cielo , ti accolgo dentro di me, tu che con aria sognante mi hai ipnotizzato, ti lascio entrare senza ritegno nel profondo del mio essere, nella donna che è nata in me, in quello che si nasconde per non farsi male, in quello che si custodisce per paura , e mi lascio andare abbandonata al tuo piacere, a soddisfare le tue voglie, perchè questo volo finisca solo tra le stelle, finchè ci sarà la notte a nascondere gli occhi che bruciano  e che a volte  fanno male, finchè l’alba ci possa vedere ancora sorridere, e il cielo ci possa abbracciare felice di un nuovo giorno da ricominciare, dopo aver abbandonato pensieri e brutti sogni altrove, dove sia bello il viaggio, sereno il planare, dolce atterrare su quel prato verde, non troppo lontano dal mare!

Amore Cannibale!

rapportosessuale ti vedo arrivare mentre guardo dalla finestra, parcheggi lentamente, scendi dalla tua auto, non alzi lo sguardo; non ti aspettavo, ma sapevo che saresti venuto;  ti apro ancor prima che tu suoni, sali le scale a passi veloci, non ti chiamo , so chi sei e cosa vuoi, lo so perchè è lo stesso che voglio io, hai un coltello tra i denti, squarci i miei vestiti, mentre prendi la mia anima, ci entri dentro come una furia,  vorresti violentarla, ma non puoi , è aperta pronta a riceverti, a darsi completamente, a seguirti in questo stillicidio di amore folle, baci cannibali sulla pelle bianca, pezzi di noi che si mescolano, il silenzio della notte squarciato dai nostri sussulti, piccole grida sommerse, quella luce negli occhi che conosco bene, quasi perfida, così dura e fredda, anima impenetrabile, chiudi ogni portellone, potrebbe uscirne un dolce fiele, e così prendo te, non abbasso gli occhi , ti voglio, così ti voglio,  la follia di un momento, la follia di sempre, e succhiarti finchè non ti mescolerai al mio sangue, e le mie vene si riempiranno di te, mentre tu prenderai il mio corpo, sentirai il mio calore, sarai pelle della mia pelle, puoi graffiarmi la schiena, ma sarai tu che leccherai ogni mia ferita, la guarirai con la tua saliva, perchè non potrai farne a meno, mentre ti caverò gli occhi e ci metterò diamanti,  meno preziosi e meno luminosi, ma voglio qualcosa di te che non mente, che ogni tanto si tradisce, vittime e carnefici allo stesso tempo l’uno dell’altra, e poi l’alcool stordirà le nostre menti e farà dimenticare questa lucida follia , sarà così anche staserà.. sarà così che poi ti lascerò andar via… so che tornerai…perchè io ti appartengo più di quello che pensi, perchè noi ci apparteniamo più di quello che si può immaginare, siamo cannibali, questo amore si consuma solo così..!

luce nei miei occhi

imagesCAIQIEEVprendimi per mano e guidami  per sentieri e vie sconosciute, mi fido di te, pienamente, portami oltre la mia conoscenza e la mia immaginazione, mi stringo al tu corpo asciutto e forte, c’è qualcosa che ci intriga, incuriosisce, e allora scopriamolo, scopriamoci, scendendo giù nelle viscere della terra dove nessuno ci può cercare e esisteremo io e te,  soli.. alla ricerca di quel piacere che solo a guardarti mi sale su per la schiena e non c’è momento in cui non sia pronto ad esplodere e liberarsi in tutta la sua voracità, non c’è motivo per non viverlo, non ci sono parole… non si spiega e nemmeno lo si vuole fare.. respirare il tuo odore anche solo per un attimo sublima i sensi.. come sentire i tuoi occhi che mi trapassano l’anima, la tua bocca  che mi cerca…portami lontano tu puoi farlo.. hai la chiave per entrarmi dentro senza esitazioni, hai tutte le autorizzazioni, non chiedermi perchè, non so dirtelo, so solo che io sto dove posso stare bene.. solo lì.. adesso, e lo stato di libertà fisica e mentale che ho alla tua presenza è qualcosa di idilliaco, mi sorprende, ma subisco la sorpresa e ne godo… ne godo infinitamente…. perchè dovrei privarmi e privarti di questo sottile piacere che subdolamente entra in noi e … avanza.. condividere un pensiero, un emozione, una sensazione…come se bevessimo vino dallo stesso calice  ,  la vita è una, breve e improvvisa, goderne apertamente tra i se, i ma e chissà è l’unico dovere e l’unica opportunità che abbiamo… e non scappiamo non serve farlo, i miei programmi arrivano solo fino a stasera, ma ci fosse un domani vorrei incontrarti ancora, per quel che sei e  come lo sei.. c’è chi capisce vede accetta e a volte comprende e sopratutto non giudica, c’è chi invece del giudizio fa uno stile di vita e l’unico metro di paragone è se stesso, ho smesso di ascoltare chi si alza in cattedra per dirmi cosa è giusto e cosa no,  sono io e come una nave in mare aperto, la rotta la decido io, nessuno può farmela cambiare solo per come mi vede…. c’è luce nei miei occhi quando incontro i tuoi… e mi fa stare bene tutto questo, e non mi importa niente del mondo … sono io che canto sotto la pioggia a braccia aperte , che cammino guardando il cielo e rischiando di inciampare, ma il cielo è blu e mi piace e io lo guardo… sono io quella che finisce di baci e solletico il mio bambino per sentire le sue risate suonanti e la sua voce che mi dice che sono la sua mamma bellissima.. sono io matta quanto serve e razionale per il resto….sono io che adesso serenamente e consapevolmente sorrido…. sorrido!imagesCAGRWI2R

plasmati dalla passione

pelle che cerca pelle,

anima che divora anima,

mi aggrappo alla tua schiena,

i respiri faticano a uscire dalla bocca,

non ci sono parole, 

ma ci raccontiamo la storia più antica del mondo,

cantiamo la melodia della passione,

voglio te, vuoi me,

il resto non conta ,

è solo contorno alla più bella e vorticosa follia,

e ci muoviamo insieme in una danza tribale,

a cercarsi a scoprirsi,

occhi che penetrano occhi,

sguardi incollati a cercare scoprire esplorare

ogni cosa , 

I nostri corpi plasmati dalla passione, in un unica forma,

quasi liquidi, si amalgamano per poi sciogliersi e ricomporsi ancora, 

quell’energia e quell’alchimia ci stringe , ci prende e ci incatena,

mentre i pensieri sono niente, non sono mai esistiti,

siamo qui nel non tempo

quello che si addice a chi si libera della razionalità e sposa l’istinto,

annienta calendari ed orologi e vive quel giorno quell’ora come fosse altrove,

come fosse sempre, come non fosse mai. 

E i ci lasciamo inebriare da aroma di vaniglia e miele,

in mezzo a sorrisi e baci, e labbra morbide,

e dopo aver bevuto fino infondo il calice dolce

del nostro inventato improvvisato amore,

restiamo vicini, incollati a guardre oltre, aldilà, a vedere il mare…

“biondini scipitini”

perdersi nei tuoi occhi a cercare le tue mani, le tue braccia, solo lì sentirsi a casa, anche se poi casa non è, solo lì ho ritrovato quella sensazione di benessere che si prova quando il cuore ti batte fino a scappare dal petto, e tu coli amore , lavarti via di dosso, non è facile, ma lo devo fare, troppe volte mi hai trattato  male, troppe, e ancora te l’ho fatto  fare.. e poi… poi ancora una volta peggio che fosse stato uno schiaffo uno di quelli sonanti…tu con i tuoi silenzi.. nessun interesse, peccato perchè..peccato per me.. peccato..che… e la vita piano deve ricominciare, alla ricerca di un nuovo equilibrio, quanta fatica ogni volta inventarsi la situazione la voglia e la… vita, trovare spazi nuovi, trovare me… adesso.. adesso non si rincorre niente, sono qui e devo inventarmi ed abituarmi alle gironate di questa nuova storia… avrei voluto inaugurare con te questa nuova vita precaria, anche solo per un ora, prenderti in prestito da quella tua meravigliosa e piena vita e tenerti con me in questa strana vita, solo un pochino… ma tu no.. tu no..non concedi… prendi e vai… e allora basta ….

sembra stupido e idiota ma se voglio pensare a qualcosa di bello, penso a quella sera le 18.45..la mezzaluna, e tu io ..la follia … e poi ancora dopo, ritrovarsi, senza riuscire nemmeno a mangiare, cavolo mi sei entrato dentro ancor prima di vederti, di conoscerti, di incontrarti e dopo… e dopo non volevo sognare avevo paura, ma poi ho provato a farlo.. anche se come un uccellino che non sa volare i miei voli erano sempre brevi e finivano con il cadere a terra ammaccata e leccarmi le ferite, ma non so non riesco non posso spiegare…. si dice che i colpi di fulmine non esistono..ma io non ci credo, credo piuttosto che non sempre siano reciproci..ma io ne ho avuto uno, uno bellissimo che non riesco ancora a cancellare.. non riesco… avrei voglia di volare, anche pochi metri, ma con rispetto per una persona, e l’educazione … avrei voluto dirti.. tante cose… a volte ho sognato di poter dire…amore…ma non era e lo sai bene… che paura deve fare una donna che s’innamora, anche quando non chiede niente, quando vuole solo dare, ma spaventa … ti ho voluto bene, te ne voglio ancora, non posso dimenticare, ancora non è tempo… anche se provo a vivere.. provo…

a voce alta..

Succede, succede..ma mi sorprende sempre, un attimo e capisci che il resto non conta..è bastato un attimo, mescolato alla mia voglia di innamorarmi, a questa primavera che stava mettendo i primi germogli, è bastato un attimo per abbassare quella cortina di ferro issata per non farsi male, e mi sono ritrovata così vulnerabile, così fragile mi sono ritrovata a seguire il volo delle rondini e guardare il cielo azzurro, e sognare te, ancora te, dinuovo te, ogni volta, e non mi hanno scoraggiato i casini, e le latitanze, la voglia di gridarlo è forte, e non so..perchè…. sappiamo bene che il volo delle rondini è bello nel sole di primavera ….nel mondo un po’ più in là., leggermente scostato dalla realtà di tutto e tutti, della frenesia del giorno di lavoro, nel mondo perfetto fatto di oceani e mari… riflessi dei tuoi occhi… e poi si sa che le lame che tagliano le vene fanno male, piano affondano nella pelle, e solcano, e fanno spazio a quel sangue che piano esce, e fa male, e ti lascia disarmata e spossata senza forze….questo l’effetto del nostro esserci alternati… e pensare che mi ero promessa di non sentirmi mai più così…preda delle emozioni, e sono stata brava ci sono riuscita e con qualcuno addirittura ho fatto la stronza, ho chiuso porte, ho preso quello che volevo e fanculo il resto..e poi è bastato un attimo, e dico un attimo…per perdermi in te… ma che hai fatto….mi hai drogato..che hai fatto, mi hai rapito i pensieri…ma chi sei..perchè …..ho voglia di guardarti in  faccia tenerti stretto e dirti questo … gli occhi nei tuoi, laghi gemelli che si avvicinano..fino a fondersi…e parole libere senza timore come ti ho già detto..ma non così vicino non così….non così..

Mi hai scosso l’anima!!!

 

Come un temporale estivo ti sei abbattuto sui miei giorni, piombandomi addosso con tutta la tua furia travolgendomi e riempiendomi di sorpresa, in un attimo hai rovesciato i miei pensieri, folle e incredibile nello stesso tempo, magico, come magicamente le nubi d’agosto invadono un cielo azzurro e  cade la pioggia dove 2 minuti prima splendeva il sole… e poi ti ritrovi a respirare forte e a cercare ancora l’odore di pioggia lontano, che esalta i profumi e la vita, che fa brillare le foglie…..  così hai inebriato i miei sensi, come specchio della mia anima, quella nascosta, quella dei desideri reconditi, che a volte non ho il coraggio di confessare nemmeno a me stessa…quella folle …

E’ stato così naturale incontrarci, guardarci e realizzare in due secondi  di voler essere lì, solo lì, in quella magia e viverla, viverla poi fino in fondo come fosse un film che vuoi vedere e rivedere ancora…e tu, io, noi…  bocche incollate a respirare insieme la stessa aria, a frenare la voglia di andare oltre, a stringerci per sentire il rumore del cuore…..e mani a rincorrersi.. a prendersi e perdersi… e dire no ma voler dire si..subito ora….e poi i nostri corpi nella più divina fantasia fatta realtà, condivisa…nessun imbarazzo, nessun timore, nessuna vergogna, cavolo, ma chi sei per farmi questo… sembri così..così perfetto, il pezzo del puzzle che combacia a perfezione con quello che sognavo ci fosse nella mia vita… e tu ci sei, non ti chiedo per quanto rimarrai, l’importante è che tu ci sia, che tu sia passato ,  sia entrato e  e che tu abbia messo in subbuglio la mia anima…non succedeva da tanto…ed è bello quando succede…è proprio bello…..

…beh il raggio di sole di cui parlavo nell’altro post, è arrivato davvero, entrato nella stanza dove eravamo,  ci ha trovati abbracciati, stanchi, sereni, e forse un po’ più felici , ci ha baciati, ci siamo baciati,  e ci ha riaccompagnati nella nostra vita di gni giorno…(anche se fuori pioveva)