non posso cedere

un brivido sulla pelle, un sorriso dal niente e il mondo che si ribalta all’indietro e poi scappo,  sono invincibile e non mi voglio far raggiungere da niente,   accade ogni volta per quella capacità innata di leggere dentro agli occhi nella profondità dell’animo, dove si annidano  i tesori e le sorprese, e ogni volta cado nel tranello, resto lì come in un immersione a girovagare negli abissi di un altra anima che non mi è stata concessa ma che mi sono presa quasi per gioco e per sfida , vincere una battaglia è facile molto.. ma poi ci lascio le penne il cuore e  anche gli occhi e così non posso essere più invincibile.. non mi rassegno a lasciarmi trascinare dalle mani forti dell’innamoramento che non porta a niente,  che fa sentire solo le punte affilate dei coltelli che tagliano la gola, resisto con tutte le mie forze,  per adesso la cosa è facile mi aiutano i tuoi gesti, mi aiuta il tuo non offrirti, il tuo chiudere quella porta sull’anima, il tuo voltarti altrove e guardarmi solo mentre non ti guardo..  sia mai che quello sguardo torni,  sia mai.. cadrei in ginocchio  priva di forze  ad aspettare che il vento cambi , ma la mia consapevolezza in questo momento mi fa capire che il vento è contro.. resisto e posso resistere  ..  tienimi lontano, è il più bel gesto che tu possa fare, sii forte tu per me, io, non lo sono mai stata ed ho voglia di amare, ma non entro dove le porte son chiuse,  busso ogni tanto, ma poi me ne vado silenziosa.. volta lo sguardo ogni volta, altrimenti non potrei resistere alla tentazione..  niente  mi conquista come gli occhi .. mi fregano solo quelli.. tu mi hai guardata  senza distogliere lo sguardo, tu mi hai legata e trascinata verso te.. per tutto il tempo dei baci infiniti con i quali hai ricoperto la mia bocca e la mia pelle, mi hai tenuta dentro il tuo sguardo.. anche quando potevi socchiudere gli occhi.. tu hai toccato il profondo delle mie corde e fatto suonare la melodia dell’anima.. ma c’è un problema.. “c’è lei nella tua vita e non vuoi più mandarla via” così diceva una canzone.. ed io sto diventando l’eterna due.. e non posso permettermi di cedere all’amore, solo passioni fuggevoli e sfuggenti, solo attimi e non assecondo nemmeno un po’ le sensazioni.. perché tu saresti perfetto.. perché indossi quei pantaloni.. perché sorridi .. perché hai le mani che ti ritrovi, forti, belle, lunghe.. perché mi hai coperto di baci e per un momento anche solo uno mi hai fatto sentire cenerentola al ballo, tra le tue braccia in mezzo alla pista semi deserta con gli occhi di tutti puntati addosso… cenerentola…

leggendo Venezia, respirando un sogno!

imagesCADEEH7EE  si schiudono gli occhi su un sogno, Venezia dal libro mi è saltata addosso,e camminare per quei vicoli, ai lati di strade d’acqua, mentre la notte leggera cade come un velo di tulle a ricoprire cieli e persone a cancellare confini e limiti ad abbracciare  pensieri e spalle, e liberare i piedi dalle mie scarpe adorate , e lasciare che la mia aria sicura e a volte austera se ne vada, e lasci spazio  alla dolcezza, alla voglia di sognare e lasciarsi cullare da parole e musica, e osservare le immagini perché non sono brava a fotografare e cogliere le emozioni che sento nel cuore, sono solo brava a ricordare, e allora guardo con la fame di chi vuole imprigionare per sempre nella mente  il bello che non si ripete, e  che non si cancella… e poi fermarsi seduta su uno scalino di uno dei ponti più famosi e  lasciarsi andare , le stelle… mille, e un volto e un sorriso, non si cancella la vita, e si guarda con dolcezza, perché tutto passa, ma dentro tutto resta e lascia una scia.. a volte bella a volte meno… ma è vissuta, e quando le ferite smettono di sanguinare.. si alzano gli occhi al cielo…si sorride e si pensa che infondo è bello avere ancora qualche possibilità.. qualche giorno da scoprire, o almeno la speranza, perché la certezza non c’è mai… ..e silenzio e luci d’altri tempi, il rumore dell’acqua e l’odore dell’estate,.. e vorrei un sogno.. e vorrei abbracciare chi.. e vorrei sapere perché , e come.. e vorrei… e non importa, ciò che conta è che sono .. qui.. ora!!!!!

Confondendomi

 

imagesCAXXICXZLa parte razionale adulta e responsabile di me avrebbe tante cose da dire, con tono quasi irato: “ti stai solo prendendo gioco di me, perchè lo fai?, perche?.. ti diverti forse? “Hai toccato la mia fragilità e ne fai un vanto, scappi per essere inseguito, mi stai lontano perchè palpabile diventi il mio imbarazzo e il mio desiderio, sopratutto, ti stai probabilmente godendo uno spettacolo meraviglioso e  spassosissimo….

l’altra parte di me vorrebbe solo avere 15 anni per potersi sentire autorizzata ad essere scema a credere ad ogni cosa, anche alle favole, per non essere giudicata ingenua e infantile, per poter contare su di un alibi, per tutte le idiozie che fa e che dice, mentre continua sragionare e a perseverare nei suoi ridicoli e veramente squallidi tentativi di averti !

Amore Cannibale!

rapportosessuale ti vedo arrivare mentre guardo dalla finestra, parcheggi lentamente, scendi dalla tua auto, non alzi lo sguardo; non ti aspettavo, ma sapevo che saresti venuto;  ti apro ancor prima che tu suoni, sali le scale a passi veloci, non ti chiamo , so chi sei e cosa vuoi, lo so perchè è lo stesso che voglio io, hai un coltello tra i denti, squarci i miei vestiti, mentre prendi la mia anima, ci entri dentro come una furia,  vorresti violentarla, ma non puoi , è aperta pronta a riceverti, a darsi completamente, a seguirti in questo stillicidio di amore folle, baci cannibali sulla pelle bianca, pezzi di noi che si mescolano, il silenzio della notte squarciato dai nostri sussulti, piccole grida sommerse, quella luce negli occhi che conosco bene, quasi perfida, così dura e fredda, anima impenetrabile, chiudi ogni portellone, potrebbe uscirne un dolce fiele, e così prendo te, non abbasso gli occhi , ti voglio, così ti voglio,  la follia di un momento, la follia di sempre, e succhiarti finchè non ti mescolerai al mio sangue, e le mie vene si riempiranno di te, mentre tu prenderai il mio corpo, sentirai il mio calore, sarai pelle della mia pelle, puoi graffiarmi la schiena, ma sarai tu che leccherai ogni mia ferita, la guarirai con la tua saliva, perchè non potrai farne a meno, mentre ti caverò gli occhi e ci metterò diamanti,  meno preziosi e meno luminosi, ma voglio qualcosa di te che non mente, che ogni tanto si tradisce, vittime e carnefici allo stesso tempo l’uno dell’altra, e poi l’alcool stordirà le nostre menti e farà dimenticare questa lucida follia , sarà così anche staserà.. sarà così che poi ti lascerò andar via… so che tornerai…perchè io ti appartengo più di quello che pensi, perchè noi ci apparteniamo più di quello che si può immaginare, siamo cannibali, questo amore si consuma solo così..!

battiti d’ali di farfalla

 

Quando dentro lo stomaco senti l’eco delle ali delle farfalle, capisci quanto grande è la tua voglia di innamorarti, quasi un bisogno mentale e anche fisico, ti rendi conto che non ti importa di appagare il tuo corpo, hai bisogno di carezze per l‘anima, di scossoni, per quell’anima fragile che sta “seduta davanti allo specchio abbracciata ad un ricordo”, e ti guardi intorno con gli occhi che brillano, pensando che sicuramente ci sarà qualcuno desideroso di placare la tua sete di gioia, ma forse non vedi più in là del tuo naso, forse sei solo diventata esigente e quindi, vuoi di più, vuoi tutto  e trovare tutto è molto difficile, soprattutto quando guardi nell’unica direzione che forse non ti può dare niente assolutamente, ma di quel niente sei abbagliata, inebriata, e ti ripeti che sicuramente c’è una direzione giusta nella quale andare, procedre, guardare..la cerchi, ma in fondo non la trovi, torni sempre lì, come se un sottile filo di seta ti tenesse ancorata, è lungo lunghissimo, ma c’è.. è lì e tu lo hai annodato , tu per prima l’hai stretto ai rami di quell’albero…la voglia di innamorarsi resta viva e sai che puoi e devi e vuoi viverla, ma è più forte di te, e inizi a domandarti se non sia paura, paura di impegnarsi troppo e quindi ti infili solo in cose sbagliate, e eviti quelle giuste accuratamente, oppure i tuoi sogni da ragazzina sono ancora così presenti che speri nel principe azzurro, che non arriverà mai…beh non sai cosa sia ma quel rumore di ali di farfalla è così bello, e… Dio volesse che accadesse, volesse che ….che quel raggio di sole illuminasse i rami di una splendida querce con radici solide piantate nel terreno e ricoperta di germogli … ansiosi di ricevere luce e sbocciare…forse l’innamoramento è davanti a me ad un passo, ma non posso, mi farei solo tanto male che più di ogni altra cosa dovrei e devo evitare.

Continua a leggere battiti d’ali di farfalla

..un raggio di sole

 

Le tue mani e un raggio di sole solcano la mia pelle, mentre i vestiti lasciano spazio al calore di te, le carezze dei tuoi sguardi, insieme a qelle delle tue mani, delle tue labbra che disegnano fiori sulla tela della mia schiena, il volersi appartenere trattenuto nei sospiri, sussurrato nei sorrisi e baci lievi, dolce aspettarsi e volersi, cercarsi e trovarsi, appartenersi e poi perdersi ancora

Continua a leggere ..un raggio di sole